Avvenire di Calabria

Bambini ospedalizzati a lezione di vela con la Nave Italia

Nuove avventure in mare aperto per i pazienti dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù a bordo

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Nuove avventure in mare aperto per i pazienti dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù a bordo di Nave Italia, il brigantino a vela che la Fondazione Tender to NaveItalia Onlus (creata dalla Marina Militare e dallo Yacht Club Italiano) dedica al recupero delle persone affette da disagio fisico o psichico. Una collaborazione, quella tra Fondazione Tender to Nave Italia Onlus e Bambino Gesù, che dal 2011 consente a tanti bambini e ragazzi malati di vivere un’esperienza indimenticabile. A bordo del brigantino i pazienti imparano a condividere regole, spazi in comune e momenti ludici. Tutto a vantaggio dell'autostima e della consapevole gestione di sé. Dal 24 al 28 luglio salperà la spedizione dei ragazzi del reparto di Oncoematologia. Saranno 16 i giovani pazienti dell’Ospedale Pediatrico della Santa Sede a far parte del progetto ‘A Gonfie Vele contro il Cancro’, giunto ormai alla sua quinta edizione. A prendere il largo dal porto di Gaeta bambini e adolescenti di età compresa tra gli 8 e i 15 anni, che faranno rotta verso il porto di Livorno. 

Seguirà la terza edizione del progetto ‘Fratelli all’Arrembaggio’, previsto dal 18 al 22 settembre, che coinvolgerà un gruppo di Siblings: fratelli e sorelle di bambini e ragazzi affetti da malattie metaboliche rare in cura presso l’ospedale Bambino Gesù. Con loro, quest’anno per la prima volta, saliranno a bordo di Nave Italia anche alcuni fratelli malati. L’obiettivo è quello di restituire al sibling, mediante strumenti volti ad accrescere autostima e indipendenza, uno spazio dedicato alla propria individualità e alla coppia di fratelli una dimensione diversa da quella legata al vissuto di malattia, ristabilendo un giusto equilibrio all'interno della famiglia. Partenza prevista dal porto di Gaeta con arrivo a Salerno. ‘I corsari di mare dolce’ sarà la terza e ultima spedizione prevista. Il progetto riguarderà 14 pazienti, in cura presso il reparto di Diabetologia del Bambino Gesù, il Policlinico Umberto I quello di Tor Vergata. Dal 25 al 29 settembre anche loro svolgeranno le attività di bordo come, ad esempio, spiegare vele o lucidare ottoni. Si salperà da Salerno e si risalirà la costa tirrenica con attracco in porto previsto a Civitavecchia.

Articoli Correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.