Avvenire di Calabria

Le parole di monsignor Francesco Schillaci: «Ciascuno di noi è chiamato a fare la propria parte»

Celebrata la festa patronale di Sambiase in onore di San Francesco di Paola

di Salvatore D'Elia

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Francesco da Paola è un uomo che ha risposto all’invito del Signore ad andare a Lui e ha imparato alla scuola di Gesù la mitezza e l’umiltà. La nostra società ha sempre più bisogno di umiltà e di mitezza, non ha bisogno di presunzione e arroganza. Il cristiano cerca di imparare tutto questo dal Signore e lo immette nella storia. E’ un dono straordinario avere nella nostra Diocesi i padri minimi, che ci ricordano che essere cristiani significa seguire la strada della piccolezza”. Così il vescovo Giuseppe Schillaci che ha presieduto la solenne concelebrazione eucaristica nella Chiesa Matrice di Sambiase nel giorno della festa patronale di S. Francesco di Paola.

“Nell’ultimo anno – ha proseguito il vescovo – la pandemia ci ha dimostrato che non siamo onnipotenti. Come Francesco da Paola, andiamo anche noi al Signore e impariamo da Lui. La via più sublime che siamo chiamati a percorrere è quella della carità, perché nell’amore ci viene svelato il volto di Cristo. La missione della Chiesa nella storia è quella di immettere amore, di “amorizzare il mondo”. Invochiamo, per l’intercessione di S. Francesco, il desiderio di “amorizzare” le nostre comunità, i nostri quartieri, la nostra città”.

All’ inizio della celebrazione, durante la quale il commissario straordinario ha consegnato simbolicamente al Santo le chiavi della città, il correttore della comunità lametina dei padri minimi padre Giovanni Sposato ha invitato a pregare per le persone colpite dal virus nell’ultimo anno “e le vittime che ci sono state anche nel nostro territorio” invitando la comunità “a festeggiare, nonostante la paura e la stanchezza che ancora segnano le nostre vite. Festeggiare significa stare con Cristo che si prende cura di noi e ci chiama a prenderci cura degli altri.  La pandemia ci ha ricordato quanto abbiamo bisogno gli uni degli altri. Seguendo l’esempio di San Francesco, ciascuno di noi è chiamato a fare la propria parte”

Articoli Correlati

Monsignor Morrone prega sulla tomba di don Italo Calabrò

Il vescovo si è recato sulla tomba di don Italo Calabrò: oggi ricorrono i 31 anni dalla morte del sacerdote. Pomeriggio, alle 18, la messa in suffragio sarà celebrata da monsignor Vittorio Luigi Modello a Casa Gullì. Morrone, durante la sua omelia di insediamento, aveva indicato don Calabrò tra i testimoni di servizio ecclesiale della diocesi.

Monsignor Fortunato Morrone prenderà possesso della Concattedrale di Bova

Grande trepidazione nel borgo dell’Area grecanica reggina dove domenica arriverà il nuovo pastore. Il presule pitagorico rivolgerà una preghiera particolare al compatrono della diocesi, San Leo. Alle 10, previsto un incontro con le autorità e subito dopo il rito di presa di possesso canonico della Concattedrale dell’Isodia.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.