avveniredicalabria

Il presidente della Cei interviene sull'Ossevatore Romano

Crollo Ponte Morandi, Bassetti: «No a sciacallaggio politico»

«Ricucire ciò che è sfilacciato e pacificare ciò che è nella discordia»

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Ricostruire” ciò “che è distrutto, ma anche “’ricucire’ ciò che è sfilacciato”, “’pacificare’ ciò che è nella discordia” e “ripensare l’Italia e in qualche misura rifarla”. Sono le indicazioni del cardinale Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia – Città della Pieve e presidente della Cei, intervenuto dalle colonne de il Settimanale de L’Osservatore Romano di oggi 23 agosto, sul crollo del ponte Morandi a Genova. Gli interrogativi sollevati dalla vicenda, esordisce, rappresentano anche “una grande questione culturale, sociale e morale del paese” perché “dietro alla decisione di costruire (e custodire) una infrastruttura a uso pubblico” non vi è solo “l’opera dell’ingegno umano” ma altresì “l’idea di una comunità di persone” e “in definitiva, del bene comune”.
Con riferimento al “tempo della vicinanza” con le famiglie delle vittime, con gli sfollati che hanno perso la casa e gli affetti, con l’intera città di Genova, richiamato dal card. Bagnasco, il presidente Cei lancia un monito: “Una vicinanza fattiva, operosa, intima, silenziosa e non rabbiosa, senza fomentare odi ideologici, senza atti di sciacallaggio politico e desideri di vendette”. Per Bassetti servono inoltre “una responsabilità condivisa e un impegno civile costante e duraturo” nei confronti di “un paese stupendo” ma “estremamente fragile nel suo tessuto urbanistico, territoriale e anche in quello sociale”. “Mai come oggi”, ribadisce il cardinale, “accanto all’urgenza morale di ‘ricostruire’ ciò che è distrutto, vi sono un’urgenza spirituale di ‘ricucire’ ciò che è sfilacciato e un’urgenza sociale di ‘pacificare’ ciò che è nella discordia” per “provare a tracciare il cammino del futuro”. La salvaguardia e la messa in sicurezza del territorio e delle opere pubbliche “non possono essere ridotte a una questione tecnica che emerge nel discorso pubblico solo nel momento del dolore e della sofferenza”. Per Bassetti, “ci troviamo di fronte a una questione molto più complessa e importante: occorre ripensare l’Italia e in qualche misura rifarla. A partire dalla custodia, dalla difesa e dalla valorizzazione del suo territorio e delle sue città”.

Articoli Correlati

Natale, Bassetti: «Dare valore a ciò che conta davvero»

“Mai come oggi, seppur tra mille difficoltà e sofferenze, questo è il tempo di credere. Anche quest’anno, celebriamo la Speranza che si è fatta carne in un’umile grotta di Betlemme e ha attraversato i mondi”, lo scrive il cardinale Gualtiero Bassetti

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.