Avvenire di Calabria

A imporre le mani e recitare la preghiera consacratoria sarà monsignor Giuseppe Fiorini Morosini

Diocesi Reggio, sabato l’ordinazione sacerdotale di Antonio Ielo

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

«Volevo ardentemente vivere», inizia così la testimonianza vocazionale di Antonio Giuseppe Ielo che, da sabato 29 giugno, diverrà don Antonio per la comunità diocesana di Reggio Calabria - Bova.

 
L'ordinazione sacerdotale, infatti, sarà celebrata alle 18.30 nel giorno dei santi Pietro e Paolo presso la Basilica Cattedrale: a imporre le mani e recitare la preghiera consacratoria sarà monsignor Giuseppe Fiorini Morosini, pastore della Chiesa reggina che ha accompagnato, lungo il cammino di formazione al Seminario arcivescovile "Pio XI", Antonio Ielo assieme alle equipe formativa, guidata dal Rettore, monsignor Salvatore Santoro.
 
Saranno, quindi, giorni intensi per il diacono e la comunità del Seminario: da venerdì 28 giugno, dalle 21, con una Veglia di preghiera presso la parrocchia "Sant'Antonio di Padova" che aprirà un triduo di spiritualità vocazionale che si concluderà sempre nel Santuario guidato dagli orionini, parrocchia d'origine del neo-sacerdote, domenica 30 giugno alle 10.30 con la prima Celebrazione eucaristica presieduta proprio da don Antonio Ielo.
 
«Sapevo che la risposta alla mia ricerca la potevo trovare in quel Gesù - ci confida Antonio a pochi giorni dalla sua ordinazione sacerdotale - che per diversi anni avevo escluso dalla mia vita. Nella quotidianità della vita parrocchiale ho maturato il desiderio di una totale consacrazione al Signore».
 
L'appuntamento, quindi, è per il 29 giugno, alle 18.30, presso la Basilica Cattedrale di Reggio Calabria per gioire assieme ad Antonio e alla comunità dei fedeli reggini.
 

Articoli Correlati

Cittadella dell’Immacolata, oasi di pace per i bimbi ucraini

Dagli scenari di guerra alla protezione della Cittadella dell’Immacolata di Bagnara: bambini ucraini in fuga ritrovano la pace nell’estremo lembo dello Stivale e, soprattutto, la gioia di poter giocare nuovamente insieme, senza alcun pericolo.

Violenza di genere, la mamma ferita: «Così sono rinata»

Una storia di maltrattamenti consumata tra le mura domestiche, può trasformarsi in un vero e proprio esempio per quante hanno ancora paura di dire «basta». La testimonianza della giovane donna, finalmente uscita dal tunnel in cui era piombata: «Oggi mi sento finalmente donna, grazie al Centro antiviolenza “Angela Morabito” di Reggio Calabria e all’amore di mia figlia»