Avvenire di Calabria

L’iniziativa fortemente sostenuta dai vescovi calabresi ha registrato la presenza costante del docente e scrittore Nembrini

Don Leuzzi: «Più di mille docenti di religione all’iniziativa della Cec»

Gli insegnanti di religione ripartono, quindi, dalla formazione vissuta in modo comunitario dopo la lunga pausa del Covid-19

di Federico Minniti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Don Emanuele Leuzzi è un sacerdote di Oppido Mamertina - Palmi. Parroco a Delianuova, dirige l’ente morale “Famiglia Germanò” che si occupa degli ultimi ed è il responsabile per la sua diocesi e la Calabria intera del Servizio Irc (docenti di religione) per conto dei vescovi.

Docenti di religione, il commento di don Leuzzi al ciclo formativo con Nembrini

Nelle ultime settimane è stato impegnato per l’organizzazione e la realizzazione del percorso formativo destinato agli insegnanti di religione calabresi. Un ciclo di incontro tripartito nelle tre metropolie (Cosenza, Catanzaro e Reggio Calabria) col coinvolgimento di tutte e dodici le diocesi di Calabria. «La risposta dei docenti è stato entusiasmante: sono stati un migliaio i partecipanti agli incontri di queste settimane», afferma don Leuzzi.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


L’iniziativa fortemente sostenuta dai vescovi calabresi ha registrato la presenza costante di Franco Nembrini: «Abbiamo affrontato il tema della sensibilità narrativa aggiunge il sacerdote come strumento di coinvolgimento dei ragazzi».

Secondo don Leuzzi, infatti, la fase che stiamo vivendo è la più delicata degli ultimi decenni: «Rischiamo di veder crescere una “generazione da pigiama”. La didattica a distanza, purtroppo, ha avuto degli effetti collaterali che ovviamente non si potevano calcolare vista l’onda emergenziale che ci ha travolto. Oggi è opportuno far tornare la “voglia di vivere” ai nostri ragazzi».

Un’apatia che, tra i banchi di scuola, spesso passa sottotraccia: «Bisogna imparare ad ascoltare i segni che gli alunni ci lanciano. Spesso il non detto ci dice molto di più delle risposte alle nostre domande».


PER APPROFONDIRE: Nembrini, padre Spadaro e Monda a Reggio Calabria per parlare di educazione


Gli insegnanti di religione ripartono, quindi, dalla formazione vissuta in modo comunitario: «Già l’esserci ritrovati personalmente è stata una vittoria. Ancor più perché abbiamo notato grande entusiasmo e passione nei docenti pronti ad affrontare le tantissime sfide che li attendono: oggi il ciclo di una generazione non dura più dieci anni, ma di anno in anno vanno ricalibrati gli interventi educativi».

Articoli Correlati

Savino (Cei) in Moldavia, visita al vescovo di Chisinau

Dopo essere stato ad Odessa, in Ucraina, in rappresentanza della Cei in occasione della tappa della Carovana della Pace, il vescovo Savino è stato in Moldavia: dall’inizio della guerra, qui accolti oltre 400 mila profughi.