Avvenire di Calabria

Alla Santa Messa celebrata nella Basilica di San Pietro in Vaticano era presente anche una delegazione calabrese

Giornata dell’allevatore, anche la Calabria presente a Roma

Il neo presidente degli allevatori reggini Tripodi: «Colpito dalle parole cardinale Gambetti sull'importanza della cura del Creato»

di Redazione web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Una Santa Messa in Vaticano ha aperto la Giornata nazionale dell’allevatore che si è svolta a Roma nel giorno della solennità di Sant’Antonio Abate, patrono degli animali, allevatori e agricoltori. Il cardinale Mauro Gambetti ha presieduto la celebrazione liturgica, officiata presso l’Altare della Cattedra di San Pietro, nella Basilica vaticana.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


La Giornata nazionale dell’allevatore, giunta al quindicesimo anno, ha visto la partecipazione delle associazioni di categoria. Ma anche delle rappresentanze civili e militari che, nel corso degli anni, hanno animato la giornata con i loro corpi a cavallo e le unità cinofile.

A rappresentare la Calabria, c’erano il presidente regionale degli allevatori Michele Colucci e il neoeletto presidente reggino, il dottore agronomo Domenico Tripodi. Per Tripodi che è anche vicepresidente regionale è stata anche una prima volta. Colpito profondamente, inoltre, dalle parole del cardinale Gambetti. Il porporato ha apprezzato il lavoro svolto dagli allevatori. Ha inoltre sottolineato l’importanza della tutela del Creato: «patrimonio comune di tutti gli esseri viventi, uomini e animali».

Gambetti, nella sua omelia, ha ricordato che esiste un patto di alleanza con il Creato che «si rispetta attraverso la cura e la valorizzazione di quanto Dio ci ha messo a disposizione. Come ci ha ricordato Papa Francesco siamo tutti connessi in un’unica esperienza di vita, al cui interno ognuno di noi attinge e dona qualcosa».    

Articoli Correlati

Cittadella dell’Immacolata, oasi di pace per i bimbi ucraini

Dagli scenari di guerra alla protezione della Cittadella dell’Immacolata di Bagnara: bambini ucraini in fuga ritrovano la pace nell’estremo lembo dello Stivale e, soprattutto, la gioia di poter giocare nuovamente insieme, senza alcun pericolo.

Violenza di genere, la mamma ferita: «Così sono rinata»

Una storia di maltrattamenti consumata tra le mura domestiche, può trasformarsi in un vero e proprio esempio per quante hanno ancora paura di dire «basta». La testimonianza della giovane donna, finalmente uscita dal tunnel in cui era piombata: «Oggi mi sento finalmente donna, grazie al Centro antiviolenza “Angela Morabito” di Reggio Calabria e all’amore di mia figlia»