Avvenire di Calabria

Le esperienze formative saranno realizzate in collaborazione con Arci, Libera e Caritas Diocesana

Giustizia Minorile, al via i campi estivi

I ragazzi soggiorneranno a Condofuri, Pentidattilo e Cucullaro

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La comunità ministeriale della Giustizia Minorile di Reggio Calabria che ospita attualmente cinque minori, durante l'estate propone alcune esperienze formative.
In particolar modo i giovani, di età compresa tra 15 e 18 anni, parteciperanno ad alcuni campi estivi.
Due di loro dal 16 al 23 luglio, andranno al campo di lavoro sui beni confiscati organizzato da Libera a Condofuri.
Altri due prenderanno parte a un'esperienza residenziale proposta dall'Arci a Pentidattilo dal 30 luglio al 6 agosto.
Tutti insieme, durante la terza settimana di agosto, saranno presenti al tradizionale Soggiorno Sociale della Caritas diocesana di Reggio Calabria - Bova, che si svolgerà a Cucullaro (soggiorno San Paolo). Durante questa esperienza, i cinque ragazzi, saranno veri protagonisti delle attività a servizio degli ospiti del soggiorno: collaboreranno coi volontari alla realizzazione di tutte le iniziative.
Dalla settimana scorsa è iniziato un percorso di preparazione alle esperienze estive. Si sono già svolti due incontri con Libera durante i quali i ragazzi hanno appreso i dettagli organizzativi dei campi, anche alla luce del protocollo di intesa tra Libera e la Giustizia Minorile siglato nel 2016.
Pasquale, uno dei ragazzi della Comunità Ministeriale, dopo l'incontro con Libera si è detto "curioso" di vivere questa esperienza: "spero non sia noiosa ma divertente, vorrei fare amicizia con altri ragazzi e imparare cose nuove". Matteo aggiunge: "sicuramente sarà un momento di confronto con altri ragazzi della mia età, mi aspetto di fare e imparare cose nuove".
Durante il campo organizzato dall'Arci è prevista anche la partecipazione di un gruppo di giovani immigrati. Giovanni e Filippo, i due ragazzi della comunità ministeriale interessati al campo di Pentidattilo, sono desiderosi di confrontarsi coi ragazzi africani: "vorremmo capire per quale motivo hanno lasciato il loro paese, conoscere le loro storie, i loro sogni...sarebbe bello conoscere perché sono venuti in Europa".
Con questo stato d’animo i cinque minori della Comunità Ministeriale si preparano a vivere un’estate che sarà sicuramente arricchente.

Articoli Correlati

Comune. Avviati i tirocini formativi per i giovani detenuti

A darne notizia il settore Welfare del Comune di Reggio Calabria che ha avviato l’iniziativa che vedrà il recupero sociale e lavorativo di venti minori sottoposti a procedimenti penali dell’Autorità Giudiziaria in carico al Servizio Sociale.

Liberi di Scegliere, bilanci e prospettive

Il protocollo che mira al recupero sociale dei minori appartenenti alle famiglie di ‘ndrangheta sarà il tema centrale dell’incontro formativo promosso dal Centro Comunitario Agape e dalla Camera minorile di Reggio Calabria, in programma per il prossimo 9 novembre dalle 18.30 presso la sede di via Pellicano, a cui parteciperà Giuseppina Latella, Procuratore della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Reggio Calabria

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.