Avvenire di Calabria

L'arcivescovo Ulloa: «Si tratta di un’ideologia demoniaca»

Gmg e gender: il focus dei vescovi di Panama dal papa

Il pontefice punta sui giovani e sul ruolo dei laici

Vittoria Giacometti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Riportato da ACI Stampa

La prossima GMG a Panama, i giovani e l'ideologia del gender: sono questi i tre temi principali dei quali Papa Francesco e i vescovi di Panama hanno conversato oggi. I vescovi del Paese centroamericano sono a Roma per la visita “ad limina apostolorum”. Lo hanno riferito i Vescovi di Panama nel corso di un incontro con i giornalisti. Papa Francesco ribadisce ciò che disse alla fine della GMG di Cracovia: «Non vi preoccupate, a Panama Pietro ci sarà».

«E’ stato meraviglioso - racconta l'arcivescovo Domingo Ulloa di Panama, parlando dell'incontro con Papa Francesco - Una visita da fratelli. L'incontro è stato abbastanza rapido, ma siamo riusciti a toccare diversi temi». Prosegue l'arcivescovo: «Il Santo Padre ha insistito su due realtà: la Giornata Mondiale della Gioventù e il ruolo decisivo dei laici. Si è concentrato soprattutto sugli spazi e delle opportunità che dobbiamo dare ai giovani. Nella Chiesa, nel mondo, cambieranno le cose se veramente i giovani riusciranno ad avere un posto in questo momento di trasformazione».

«Papa Francesco - dice ancora l'arcivescovo di Panama - ci ha detto che i giovani sono il futuro, sono il presente della Chiesa e il presente dell’umanità. Per questo essere giovani è anche una responsabilità. Il giovane è l’ultima boccata d’aria limpida che abbiamo perché le speranze continuino a rinascere in noi. Perché un mondo diverso è possibile grazie al ruolo fondamentale che viene dato ai giovani». Papa Francesco durante l’incontro ha anche un pensiero riguardo alla situazione in generale a Panama. «Il Papa conosce molto bene la situazione di Panama – commenta l’Arcivescovo - ovviamente è al corrente di tutta l’attualità. Con il Papa si è creato un clima fraterno e cordiale, di paternità ma anche di fratellanza. Ha voluto salutare tutti i vescovi, soprattutto quelli che per la prima volta sono venuti in visita ad limina da lui. Siamo riusciti a riprendere le forze, per continuare il cammino e la missione».

Anche l’ideologia del gender è stato uno degli argomenti toccati nell’incontro tra i vescovi panamensi e il pontefice. «L'ideologia di genere – sottolinea l'arcivescovo Ulloa - si sta sempre più inserendo nelle società. Userò una frase scomoda: è un’ideologia demoniaca. Vuole rompere con la realtà della famiglia e si introduce in un modo talmente silenzioso che non ce ne rendiamo conto. Una cosa è l’ideologia, un’altra sono altri modi di vivere che ognuno sceglie liberamente. Ma quello che non si può assolutamente fare è imporre un’ ideologia, sempre con il rispetto degli altri, ma avendo ben chiaro l’importanza della famiglia, essendo, uomo e donna, un progetto di Dio».

Articoli Correlati

La bambola «gender free» è davvero un gioco di libertà?

La pretesa di raccontare ai bambini un mondo senza né femminile né maschile Ma qualche dubbio sorge. Siamo davvero sicuri che presentare ai più piccoli una bambola senza alcun carattere evidente possa davvero risultare una scelta pedagogica vincente?

Gender, una sessualità vista come «atto teatrale»

Perché papa Francesco ha definito il gender come uno «sbaglio della mente umana »? Secondo Judith Butler, ideologa della teoria, il genere è determinato dalla «performatività»: un’idea priva di ogni fondamento scientifico.

Il soccorritore reggino a Panama: «Emozioni uniche»

Anche la città di Reggio è stata rappresentata alla Giornata mondiale della gioventù che si è conclusa domenica a Panama. Unico portabandiera, il poliziotto Antonio De Simone, volontario delle Misericordie d’Italia.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.