Avvenire di Calabria

Oggi, alle 12, presso la sede capitolina della Regione Calabria, Occhiuto ha incontrato i segretari nazionali della triplice

Calabria, incontro romano tra il Governatore e i sindacati

Sul tavolo sono due i temi cocenti: la Statale 106 e la Zes a Gioia Tauro. Entrambi riguardano da vicino l'area reggina

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Si vedranno tra poche ore a Roma: da una parte il governatore della Calabria, Roberto Occhiuto, dall'altra i vertici nazionali e regionale dei tre sindacati (Cgil, Csil e Uil). Un confronto che si occuperà anche della Strada Statale 106.

Il Governatore della Calabria incontra i sindacati

Si è tenuto oggi a Roma, presso la sede capitolina della Regione Calabria, un incontro tra il presidente Roberto Occhiuto, il segretario generale nazionale della Cgil, Maurizio Landini, il segretario generale nazionale della Uil, Pierpaolo Bombardieri, e il segretario confederale della Cisl, Andrea Cuccello (in rappresentanza del segretario generale nazionale della Cisl, Luigi Sbarra).Alla riunione hanno preso parte anche l’assessore regionale ai Lavori pubblici, Mauro Dolce, e i segretari generali regionali di Cgil, Cisl e Uil, Angelo Sposato, Tonino Russo e Santo Biondo.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


“In Calabria abbiamo un’alta qualità della rappresentanza sindacale, l’ho sperimentato in questi primi mesi di governo. Nella mia Regione abbiamo tanti problemi, ma la nostra è anche una terra di grandi opportunità, e il mio compito non è quello di lamentarmi, ma di trovare delle soluzioni”, ha affermato il presidente Occhiuto.

“Sono molto soddisfatto dell’incontro odierno. Coinvolgere i corpi intermedi, i sindacati, è per me un percorso ineludibile. Voglio cambiare la Regione che ho l’onore di governare, ma per farlo ho bisogno della partecipazione attiva di tutte le energie positive del Paese. Con Cgil, Cisl e Uil abbiamo affrontato tanti argomenti, dalle infrastrutture al lavoro, dal Pnrr alla sanità. Abbiamo stabilito un metodo di lavoro concreto, che, ne sono convinto, già nelle prossime settimane potrà far intravedere i primi importanti passaggi. L’obiettivo comune - ha aggiunto Occhiuto - è quello di presentare al governo una "vertenza Calabria", per chiedere al presidente del Consiglio, Mario Draghi, e all’intero esecutivo uno scatto in avanti in merito ad emergenze la cui risoluzione non può più essere rinviata».

Questa "vertenza" avrà cinque punti chiave, indispensabili tanto per il governo regionale quanto per i sindacati.

1. Il rifacimento e l’ampliamento della Strada Statale Jonica.

2. Lo sviluppo e il reale finanziamento delle Zone economiche speciali, e in particolare della Zes incidente sul porto di Gioia Tauro.

3. Risorse certe per avere una linea ferroviaria ad alta velocità e ad alta capacità fino a Reggio Calabria.

4. La possibilità di investire più facilmente e con meno vincoli burocratici sulla produzione di energia da fonti rinnovabili.

5. Lo sblocco delle assunzioni e l’assorbimento del bacino dei precari per la sanità, e in particolare per i pronto soccorso.


PER APPROFONDIRE: Strada Statale 106, aria di commissariamento sull’opera


"Queste le priorità individuate oggi. La Regione costruirà nel più breve tempo possibile un cronoprogramma con costi, numeri e tempistiche per la realizzazione di questi punti.Sottoporremo il documento ai segretari regionali di Cgil, Cisl e Uil, e loro tramite fisseremo un nuovo incontro con i leader nazionali dei tre sindacati per stilare la versione definitiva della ‘vertenza Calabria’ da presentare al governo nazionale.Stiamo scrivendo una bella pagina di politica e di relazioni sindacali. Sono davvero felice che ci sia questa apertura di credito nei confronti della mia amministrazione e della nostra Regione. Lavoriamo per il cambiamento e per costruire la Calabria dei prossimi decenni”, ha concluso Occhiuto.

Articoli Correlati

Savino (Cei) in Moldavia, visita al vescovo di Chisinau

Dopo essere stato ad Odessa, in Ucraina, in rappresentanza della Cei in occasione della tappa della Carovana della Pace, il vescovo Savino è stato in Moldavia: dall’inizio della guerra, qui accolti oltre 400 mila profughi.