Avvenire di Calabria

Il 14 luglio del 1970 "scoppiava" la rivolta per Reggio Capoluogo

I moti di Reggio 51 anni dopo

di Redazione web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

I moti di Reggio 51 anni dopo. La data del 14 luglio è ancora impressa nella memoria dei reggini, soprattutto in quanti hanno vissuto una delle pagine più drammatiche della storia della città. «Ancora un 14 luglio, ancora una occasione per ricordare, un momento di riflessione per consentire anche a chi non ha vissuto le tormentate vicende del tempo di conoscere quelle pagine drammatiche della storia cittadina e italiana. Una storia che racconta di una Reggio sconfitta ma finalmente per una volta divenuta comunità» secondo i circoli Tradizione e partecipazione e Reggio 70.

L'omaggio floreale al monumento ai moti di Reggio

Proprio per ricordare i giorni della rivolta, esattamente 51 anni dopo lo scoppio dei moti, questa sera alle 18, entrambi i sodalizi deporranno un omaggio floreale al monumento ai Moti di Reggio, sul lungomare cittadino. «Il tempo per ritrovare la propria identità dura all’infinito» dichiarano ancora nell’estendere l’invito a tutti i cittadini che vorranno partecipare a questo momento all’insegna del ricordo.

Articoli Correlati

14 luglio 1970. Ferro: «Ecco il volto autentico di Reggio»

Il messaggio dell’arcivescovo del tempo pubblicato sul numero storico de L’Avvenire di Calabria del 25 luglio 1970. Dalle sue parole emerge l’orgoglio di una Città e del suo popolo «dall’animo generoso e assetato di giustizia».

Incontro Anpi dedicato alla strage di Gioia Tauro del 1970

Il primo video-dibattito sarà venerdì 10 luglio 2020, dalle ore 17.30 alle ore 19.30, sulle pagine facebook “Comitato provinciale Anpi di Reggio Calabria” e “Anpi di Reggio Calabria”, ed in contemporanea sul canale You Tube “Anpi di Reggio Calabria”

Al lavoro per le iniziative celebrative del 50esimo dei Moti

Su proposta dell’associazione culturale Anassilaos, si è deciso di iniziare le manifestazioni con una mostra fotografica a cura di Giuseppe Diaco, da tenersi nei locali della Biblioteca De Nava. Si discute anche di un Museo della Rivolta

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.