Avvenire di Calabria

I due murales presentati alla Città in occasione del 25 aprile sono costati 36mila euro e sono stati affidati con la procedura della "somma urgenza"

I murales della discordia, la vicenda finisce in Procura: presentato l’esposto

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

"Finalmente abbiamo ottenuto i riscontri che aspettavamo, giungendo ad un'amara ma prevedibile verità: l'Amministrazione Falcomatà ha utilizzato la procedura d'urgenza per un intervento di cui si poteva tranquillamente fare a meno in una città dove le emergenze sono ben altre. È una follia, uno schiaffo a Reggio, alle sue condizioni critiche, ma soprattutto ai suoi cittadini". E' quanto si legge in un comunicato stampa dei consiglieri comunali di Forza Italia Federico Milia, Antonino Caridi e Antonino Maiolino.

"Questione di tempo. È sempre questione di tempo. La verità, prima o poi viene a galla. Abbiamo atteso più di un mese, ma finalmente sono arrivate le risposte che il Gruppo di Forza Italia ha richiesto con vigore tramite l'accesso agli atti relativi alla delibera dei "famosi" murales partigiani. Pertanto, ringraziamo gli Uffici tecnici per la collaborazione ed il dirigente Demetrio Beatino per aver risposto alla missiva inoltrata il 27 aprile a Palazzo San Giorgio.

Detto questo, - proseguono i consiglieri - adesso le carte non bastano. Il Sindaco e l'Assessore responsabile, ovvero Rosanna Scopelliti, devono spiegare alla Città perché per un'operazione di mera propaganda politica (perché di questo si è trattato) abbiano utilizzato un tipo di procedura che invece dovrebbe essere utilizzata soltanto per attività realmente urgenti e utili alla Comunità. E due murales non riteniamo affatto che rientrino nella categoria degli interventi di somma urgenza.

Testualmente: "...il Rup ha provveduto a consegnare i lavori in via d'urgenza, demandando l'adozione della Determina di affidamento alla predetta ditta, solo dopo l'approvazione del bilancio comunale. Con la delibera di Giunta n.67 del 7/4/2021 è stato approvato l'atto di indirizzo per la realizzazione di murales per la ricorrenza dell'anniversario della Liberazione d'Italia. Con nota prot. n.70025 dell'8/4/2021, il Rup ha richiesto un preventivo di spesa per la realizzazione di due murales alla Ditta ARTETECA. Con pec datata 12/4/2021 la Ditta ARTETECA, acquisita al protocollo dell'Ente in pari data, ha prodotto il preventivo proponendo quale migliore offerta Tecnico-Economica per quanto richiesto € 30.000,00 + oneri I.V.A. al 22% per complessivi € 36.600,00". Oltre 36mila euro per qualcosa che peserà sui prossimi conti del Comune, perché considerati fuori bilancio. Un sacrificio economico di cui i reggini avrebbero volentieri fatto a meno, ne siamo certi.

Al di là della questione etico-morale, - concludono - spesso nemmeno considerata da Falcomatà & Co., sono tante le domande che ci stiamo ponendo sull'accaduto, una su tutte: è stato lecito l'utilizzo della somma urgenza per un intervento del genere? Il Gruppo di Forza Italia continuerà ad indagare ed a vigilare. Una cosa è certa: la cosa non finisce qui".

Anche il consigliere comunale Massimo Ripepi è tornato sulla vicenda affermando che: "Sacrificare il denaro pubblico con immediatezza, per dare seguito ai suoi disegni di proselitismo trovando l'occasione nella festa simbolo, invece è una vergogna bella e buona; una evidente irresponsabilità della scellerata conduzione della giunta Falcomatà. Arrivati a questo stato indegno di cose, non solo valuteremo con la massima premura se l'atto amministrativo citato risulta valido, ma prenderemo anche una decisione in merito ad una denuncia alla Procura. Non c'è da perdere altro tempo, perché bisogna capire qual è il metodo più veloce e soprattutto quello maggiormente funzionale per la città, che sta morendo sotto i nostri occhi".

Articoli Correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.