Avvenire di Calabria

Lo dice un recente sondaggio del Parlamento europeo. L’immagine dell’Ue è positiva per il 50% degli europei (+10%), negativa per il 14% (-3%), neutra per il 35% (-7%)

Irlandesi fiduciosi nell’Unione europea, italiani scettici

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Sarah Numico* - In generale, l’immagine dell’Ue è positiva per il 50% degli europei (+10%), negativa per il 14% (-3%), neutra per il 35% (-7%). Lo dice Parlametro, il sondaggio del Parlamento europeo pubblicato ieri. Gli irlandesi sono i più entusiasti (77%), gli austriaci i più freddi (36%).

Meno di un terzo degli europei (27%) è però contento di come è l’Ue oggi; il 44% vuole l’Ue ma la vuole diversa; il 22% è scettico sull’Ue, a meno di riforme radicali; il 5% ne è irremovibilmente contrario. La forbice geografica va dal 60% degli irlandesi contenti dell’Ue attuale al 13% dei greci. Il 63% degli intervistati è comunque contento che il proprio Paese appartenga all’Ue. Ai due estremi della forbice gli irlandesi e gli italiani: sono contenti l’87% dei gaelici e il 39% degli abitanti del Bel Paese. Tra gli studenti europei la percentuale è del 72% di apprezzamento, tra i disoccupati del 56%. Ed è comunque la stragrande maggioranza dei cittadini (72%) a ritenere che in ogni caso l’appartenenza all’Ue è un beneficio. Questo vale per il 95% degli irlandesi o il 90% dei portoghesi e lituani; ma solo per il 55% degli austriaci e il 52% degli italiani. Per il 47% degli intervistati, il punto di rottura più significativo tra il proprio governo nazionale e l’Ue si gioca sui migranti e rifugiati.

Commentando questi dati, il presidente del Parlamento europeo David Sassoli ha dichiarato: “Il messaggio di questo sondaggio è chiaro: i cittadini europei sostengono l'Ue e ritengono sia il posto giusto per cercare soluzioni alla crisi. Ma la riforma dell'Ue è chiaramente qualcosa che i cittadini vogliono vedere ed è per questo che dobbiamo lanciare la Conferenza sul futuro dell'Europa il prima possibile”.

*Agensir

Articoli Correlati

Tags:

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.