Avvenire di Calabria

Diverse iniziative in occasione della Giornata di lotta contro l'abuso e il traffico di droghe

La battaglia del Cereso contro le droghe

di Redazione web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Oggi, 26 giugno, si celebra la Giornata Internazionale contro l’abuso e il traffico illecito di droghe. Anche quest’anno il CeReSo-Centro Reggino di Solidarietà, vi aderisce.  Il CeReSo è impegnato ormai da trent’anni sul territorio reggino, nel recupero e reinserimento sociale dei soggetti tossicodipendenti, ma anche nell’ambito della prevenzione del fenomeno.

La droga non è un valore

«Le nostre comunità - afferma don Piero Catalano, Presidente del CeReSo - sipropongono di accompagnare e riabilitare chiunque si trova in stato di dipendenza da sostanza e non, e ricostruire insieme ai ragazzi una prospettiva di vita migliore. Una battaglia non facile, legata a grandi difficoltà economico-politiche. Battaglia per la quale serve un lavoro costante che parta dalla prevenzione e che, mettendo al centro l’Uomo, favorisca prima di tutto i processi educativi dei giovani nelle famiglie e nelle scuole, promuovendo la cultura della vita a svantaggio delle dipendenze, vere schiavitù che minano le libertà individuali della persona».

L'iniziativa: "Ripartiamo dalle relazioni umane"

Quest’anno i ragazzi ospiti delle strutture, nell’ambito della Giornata di Lotta, hanno partecipato alla manifestazione #Ripartiamo dalle relazioni umanepromossa dalla FICT-Federazione Italiana delle Comunità Terapeutiche, attraverso la presentazione di una testimonianza avente come slogan #messaggio in bottiglia. Hanno pertanto creato insieme ad educatori e volontari un’idea, un’immagine che, a partire dalle relazioni umane, potesse rappresentare la speranza di un dialogo con il mondo esterno.

Non solo la dipendenza dalla droga

È necessario, dice infatti Squillaci, Presidente della FICT, «ripartire guardando la società che “abitiamo”: la nostra dipendenza dal web, i cambiamenti nei comportamenti d’uso da sostanze, l’aumento significativo delle addictions comportamentali, l’abbassamento dell’età di iniziazione che riguarda una fascia significativa di adolescenti, l’aumento dell’abuso di alcol, di psicofarmaci… e poi il gioco d’azzardo patologico, le devianze del comportamento alimentare e, anche, l’aumento della solitudine, la mancanza di riferimenti, la paura… Molti ragazzi hanno avuto i social network come unico strumento di confronto con i propri pari. Il periodo della pandemia ha slatentizzato tutti questi comportamenti che già creavano diversi problemi anche prima del Covid».

Articoli Correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.