Avvenire di Calabria

Il sindaco, dimessosi due anni fa in virtù dello scioglimento per infiltrazioni mafiose, ha stravinto (68,9%) contro Ruggero Pegna (31,1%)

Lamezia Terme. Nel ballottaggio a destra, rieletto Paolo Mascaro

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Paolo Mascaro torna alla guida del comune di Lamezia Terme due anni dopo lo scioglimento per infiltrazioni mafiose dell'Ente di cui era sindaco per il centrodestra.

Al ballottaggio Mascaro, espressione di liste civiche si è imposto su Ruggero Pegna, candidato del centrodestra ma senza il sostegno della Lega, ottenendo 12317 voti, pari al 68,9%. Il promoter Pegna ottiene 5560 preferenze pari al 31,1%. Molto bassa l'affluenza. Solo il 29,98% degli aventi diritto è andato ai seggi, dato, però, che potrebbe essere stato influenzato dall'ondata di maltempo che ha colpito ieri la città.

A Isola Capo Rizzuto, l'altro comune calabrese chiamato al ballottaggio dopo il turno che ha visto al voto le amministrazioni sciolte per mafia, si è imposta Maria Grazia Vittimberga, candidata da liste civiche di estrazioni di centrosinistra, con 3488 voti, pari al 52,65% su Maurizio Piscitelli (2.985 voti, 45,06%).

Articoli Correlati

secondo tempo falcomatà

Un anno dopo. Partecipa alla nostra indagine su Falcomatà

Dieci domande ai cittadini per capire come i reggini analizzano l’attuale conduzione politico-amministrativa della Città. Il «secondo tempo» dell’amministrazione comunale, guidata da Giuseppe Falcomatà, è iniziato da più di un anno. Ma come sta andando?

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.