avveniredicalabria

Da settembre a novembre i pellegrinaggi si moltiplicheranno in Cattedrale

Madonna della Consolazione, al via i pellegrinaggi mariani

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La festa della Santa patrona reggina si è appena conclusa, anche se con modalità del tutto differenti in questo anno di pandemia. Tuttavia, la devozione dei fedeli alla Madonna della Consolazione non si ferma, anzi si rafforza nell’animo e nel cuore. Accanto alle celebrazioni religiose previste nei giorni di festa, a breve si darà anche avvio ai pellegrinaggi mariani: nessuno stop, infatti, per il flusso di pellegrini che vogliono rendere omaggio alle Vergine, seppur regolato delle dovute limitazioni.

Da settembre a novembre i pellegrinaggi si snoderanno dal territorio metropolitano interessato: le comunità parrocchiali, anche quest’anno, saranno protagoniste dei “sabati Mariani”, organizzati per zona pastorale. durante il periodo in cui la Venerata Effige della Madonna della Consolazione sarà esposta in Cattedrale. A comunicare ufficialmente i dettagli del calendario prgrammato, è monsignor Salvatore Santoro, vicario generale dell’arcidiocesi di Reggio Calabria–Bova: «Credo doveroso rendervi noto che – previamente e su mandato dell’arcivescovo – ho consultato i vicari foranei per valutare insieme l’opportunità (piuttosto che no) di effettuare, proprio quest’anno, i pellegrinaggi, chiaramente solo in ragione delle possibili difficoltà che si sarebbero potute presentare a seguito di tutte le “preoccupazioni” e restrizioni imposte dalla recente pandemia da Covid– 19. L’arcivescovo Giuseppe Fiorini Morosini si è sempre espresso in modo favorevole rispetto a questi importanti appuntamenti tra il nostro popolo e la celeste Patrona, a maggior ragione quest’anno in cui – purtroppo, ma inevitabilmente – siamo stati costretti a rivedere alcuni aspetti della festa, profondamente ed atavicamente iscritti nella nostra antica e santa tradizione di fede: penso, in particolare, alle due processioni del sabato mattina e del martedì pomeriggio che, indubbiamente, mancheranno a tutti noi reggini».

Su queste basi, è stato stilato il calendario dei pellegrinaggi zonali, che ovviamente per questo inconsueto 2020 ha dovuto subire qualche modifica necessaria per i tempi di emergenza sanitaria che stiamo vivendo. Restano da definire nello specifico i criteri più opportuni per disciplinare il numero e l’accesso in Cattedrale dei fedeli. La cosa certa è che solamente la prima parte del Duomo sarà riservata ai pellegrinaggi, mentre la seconda sarà mantenuta libera per l’accesso ordinario delle persone che vorranno anche seguire le messe: questo quanto disposto dall’arcivescovo, monsignor Giuseppe Fiorini Morosini.

«Mi rendo perfettamente conto della difficoltà in cui incorrerete – prosegue monsignor Santoro rivolgendosi ai sacerdoti – per trovare un inevitabile criterio selettivo (immagino di rappresentanza) per indicare chi potrà partecipare alla messa, in Cattedrale, e chi, purtroppo non potrà farlo. Lo immagino e vi sono fraternamente solidale; tuttavia l’alternativa sarebbe stata quella di non fare i pellegrinaggi mariani e, questo, ci è sembrato un prezzo troppo pesante da pagare». Inoltre, in virtù delle nuove disposizioni ministeriali e a seguito di valutazioni intercorse tra Curia, Prefettura, Questura e forze dell’ordine, si è riusciti a raddoppiare il numero dei posti solamente per la Basilica Cattedrale, passando da 200 a 400 postazioni, sempre regolamentate dalle norme di distanziamento previste e sull’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale. Questo significa che i posti riservati ad ogni pellegrinaggio zonale saranno circa 200. Entrando nel dettaglio del calendario, sono previsti i pellegrinaggi zonali per le diverse foranie a partire da questo mese, nei sabati 19 e 26, entrambi alle 17 e rispettivamente per le parrocchie di Bagnara/Scilla e Bova (il 19) e poi per quelle della zona di Villa San Giovanni (il 26). Proseguendo nel mese di ottobre, sabato 10 alle 17 toccherà alle zone del Sant’Agata e di Pellaro; sabato 17 alle 17 sarà la volta della zona di Valanidi; sabato 24 alle 17 della zona di Gallico/Catona e sabato 31 alle 17 della zona di Melito.

Il mese di novembre, infine, vedrà l’intera città di Reggio Calabria interessata dai pellegrinaggi mariani: sabato 7 novembre alle 17 toccherà alla zona pastorale del centro cittadino, sabato 14 novembre alle 17 alla zona nord e sabato 21 alla zona sud. Sempre il 21, alle 19 i protagonisti del pellegrinaggio saranno i portatori della Vara.

Articoli Correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.