Avvenire di Calabria

GMG, quarto giorno. I pellegrini di Reggio insieme ai giovani di Salerno, Lucca e Pavia

Mons Piazza ai giovani: “lasciatevi toccare il cuore”

Cracovia, il vescovo di Sessa Arunca parla ai giovani

Davide Imeneo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

A Cracovia, nella Parrocchia del Sacro Cuore, si è svolta la seconda catechesi a cui hanno partecipato i pellegrini della Diocesi di Reggio Calabria – Bova. Insieme a loro i giovani di Salerno, Lucca e Pavia hanno ascoltato la riflessione del vescovo di Sessa Arunca, mons. Francesco Piazza. All'inizio è stato proiettato un video con alcune provocazioni sulla Misericordia, una successione di frasi della Sacra Scrittura che hanno offerto ai giovani spunti di riflessione sulla tematica principale della GMG. Dopo il video, Mons. Piazza, facendo riferimento alla figura del buon pastore, ha esordito chiarendo il concetto di Misericordia: “significa dare il cuore ai miseri, sintonizzare il cuore per una rigenerazione continua”. Nonostante le nostre mancanze ed incapacità “il Signore continua a cercare la pecorella smarrita, continua a volerci bene”. Il vescovo ha poi aperto un dialogo con i pellegrini. Alcuni giovani hanno offerto la loro testimonianza di vita, altri hanno fatto domande dirette a mons. Piazza. Una fra tutte: “Come si può sperimentare quotidianamente la Misericordia?”. La risposta è stata un invito alla contemplazione, a vivere un amore che è carità e non possesso o egoismo. L'invito rivolto ai giovani, in conclusione, è stato: “lasciati toccare il cuore”.

Articoli Correlati

Giorgia Meloni agita le regionali in Calabria

Giorgia Meloni agita le regionali in Calabria

L’affaire Rai spacca la coalizione: Giorgia Meloni mette ufficialmente in mora il centrodestra: «Occhiuto? Regole saltate». Riscalda i motori Wanda Ferro. Nel centrosinistra, c’è anche Oliverio.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.