Avvenire di Calabria

Continua il rapporto epistolare tra l'arcivescovo di Reggio Calabria-Bova e il clero diocesano in questa fase così delicata

Morosini alla comunità reggina: «Vostro sforzo è immenso, grazie»

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Continua il rapporto epistolare tra l'arcivescovo di Reggio Calabria-Bova e il clero diocesano in questa fase così delicata. Con guida paterna, il presule ha invitato a «continuare a pregare». 

«Fatevi portavoce con i fedeli - scrive Morosini - della mia ammirazione e del mio ringraziamento per tutte le iniziative promosse per tenere viva la nostra fede, la nostra devozione e la nostra speranza: trasmissione della messa, invio di messaggi, catechesi, lavori di gruppo a casa. Ringrazio in modo particolare i catechisti e gli animatori di gruppi per tutto ciò che hanno escogitato per non perdere contatto con i loro bambini, ragazzi e giovani. Èun bel segno di amore alla Chiesa, di entusiasmo di fede e di volontà di comunione. Continuate a lavorare così. Purtroppo ci sono segnali che le cose non finiranno presto».

Prosegue l'arcivescovo: «Grande gratitudine dobbiamo esprimere alla Caritas e a tutti i suoi volontari, che, incuranti del pericolo, sono per strada a rispondere ai bisogni dei più poveri. Grazie anche a chi lavora nelle strutture di accoglienza con anziani e persone in difficoltà. Grazie a quanti fanno servizio a domicilio: medici, infermieri e personale di assistenza. È un grazie immenso a quello che stiamo rivolgendo in questi giorni a quanti sono in prima linea a combattere e a servire negli ospedali, sulle strade, nei luoghi di lavori per la produzione dell’essenziale per vivere».

La guida della Chiesa reggina-bovese pone alcune informazioni operative: «Su richiesta del Presidente della Conferenza episcopale calabra, monsignor Bertolone, alcuni giorni fa ho aderito all’iniziativa dell’Episcopato Calabro di comprare per il centro Covid-19 allestito a Catanzaro tre respiratori. Ho inviato, pertanto, la somma di 5mila euro dal fondo 8x1000 Caritas».

«Continuiamo a pregare - ha concluso Morosini - in particolare a San Francesco di Paola: possa lui intervenire come intervenne con la peste a Frejus, appena sbarcò in Francia nel 1483. Trovò la città appestata e guarì tutti con la forza della sua preghiera. Preghiamolo intensamente perché rinnovi questo prodigio di grazia».

Articoli Correlati

L’Unitalsi Calabria ha un nuovo assistente

Durante i lavori della prima assemblea del 2023, il benvenuto al nuovo assistente spirituale e il ringraziamento a don Gianni Polimeni, «per anni guida costante e rassicurante».