Avvenire di Calabria

L'arcivescovo è vicino alle comunità delle frazioni collinari assediate dalle fiamme

Morrone sugli incendi: «Indignazione e rabbia non bastano più»

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Da ieri il comprensorio collinare della Città di Reggio Calabria è interessato a diversi incendi di vaste proporzioni che hanno colpito in particolar modo le frazioni di Santa Venere, Trunca, Oliveto, Bovetto, Vito e Pentimele.

L’arcivescovo metropolita di Reggio Calabria – Bova, monsignor Fortunato Morrone, ha telefonato ai parroci delle frazioni interessate per esprimere la vicinanza della comunità diocesana a tutte le persone che hanno subito danni a causa delle fiamme. Il presule è stato informato dei gravi danneggiamenti a molte proprietà agricole e a diversi allevamenti di bestiame.

Questa circostanza, purtroppo segnata dal dolo di alcuni criminali che hanno causato gli incendi, è utile per richiamare tutti al dovere civico della tutela della casa comune, «indignazione e rabbia non bastano più, ha commentato l’arcivescovo Morrone, è indispensabile ripensare il proprio rapporto con la natura e con il creato: uomini e donne sono collaboratori della creazione di Dio, non distruttori dell’ambiente che è stato pensato per noi e messo nelle nostre disponibilità». Tale ripensamento del rapporto dell’uomo con la natura trova indicazioni concrete nella Laudato Si’, l’enciclica che Papa Francesco ha dedicato ai temi dell’ambiente e dell’ecologia: «la cura per la natura è parte di uno stile di vita che implica capacità di vivere insieme e di comunione...» per instaurare il quale «occorre sentire nuovamente che abbiamo bisogno gli uni degli altri, che abbiamo una responsabilità verso gli altri e verso il mondo, che vale la pena di essere buoni e onesti» (Laudato Si’, 229).

L’arcivescovo Morrone condanna fermamente gli atti incendiari che sono stati perpetrati nei giorni scorsi a Reggio, «ringrazio tutti i volontari, le forze dell’ordine, la protezione civile, i vigili del fuoco e quanti a titolo personale hanno contribuito a fermare la devastazione delle fiamme: il vostro esempio è la linfa dalla quale ripartire per restituire dignità alla nostra Calabria».

Articoli Correlati

Ma i calabresi andranno a votare?

Ma i calabresi andranno a votare?

Manca una settimana al voto. Si moltiplicano gli incontri nelle città dei quattro contendenti La punta dello Stivale sembra, però, assistere con “disincanto” alla bagarre dei partiti.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.