Avvenire di Calabria

Il primo appuntamento nell'arcidiocesi di Reggio Calabria-Bova, invece, sarà domenica prossima in Cattedrale con l'arcivescovo Morrone

Papa Francesco ha aperto il Sinodo della Chiesa italiana

Sullo stile da tenere, l'invito del Santo Padre in vista dei lavori: «Non facciamo del Sinodo una convention ecclesiale o un congresso di partito»

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Papa Francesco ha aperto il Sinodo della Chiesa italiana. E lo fa con un invito preciso: «Non facciamo del Sinodo una convention ecclesiale o un congresso di partito». Il primo appuntamento nell'arcidiocesi di Reggio Calabria-Bova, invece, sarà domenica prossima in Cattedrale con l'arcivescovo Morrone.

Papa Francesco ha aperto il Sinodo

Lo ripete ancora una volta, come già aveva fatto nella riunione preparatoria: «Il Sinodo non è un Parlamento, non è una convention ecclesiale, non è un incontro di studio» Papa Francesco, nella messa per l’ apertura della XVI Assemblea generale del Sinodo dei vescovi, indica il cammino che bisognerà fare in questi anni.

Sull’ esempio di Gesù, occorre metter in cammino, stare per strada. «Molte volte», spiega il Pontefice, «i Vangeli ci presentano Gesù “sulla strada”, mentre si affianca al cammino dell’ uomo e si pone in ascolto delle domande che abitano e agitano il suo cuore.

Così, Egli ci svela che Dio non alberga in luoghi asettici, in luoghi tranquilli, distanti dalla realtà, ma cammina con noi e ci raggiunge là dove siamo, sulle strade a volte dissestate della vita». Iniziando il Sinodo il Papa chiede a ciascuno dei credenti e alla Chiesa tutta se ««incarniamo lo stile di Dio, che cammina nella storia e condivide le vicende dell’ umanità» e se «siamo disposti all’ avventura del cammino o, timorosi delle incognite, preferiamo rifugiarci nelle scuse del “non serve” e del “si è sempre fatto così”».

Francesco spiega il Vangelo e l’ incontro con il giovane ricco. E indica i tre verbi del Sinodo «incontrare, ascoltare, discernere». Gesù, nell’ incontro con il ragazzo lo ascolta e lo aiuta a capire cosa fare per avere la vita eterna.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Vivere il Vangelo

«Incontrare. Il Vangelo si apre narrando un incontro. Un uomo va incontro a Gesù e si inginocchia davanti a Lui, ponendogli una domanda decisiva: “Maestro buono, cosa devo fare per avere la vita eterna?”».

È una domanda che esige attenzione e tempo e Gesù, «non è distaccato, non si mostra infastidito o disturbato, anzi, si ferma con lui. È disponibile all’ incontro. Egli sa che un incontro può cambiare la vita. E il Vangelo è costellato di incontri con Cristo che risollevano e guariscono.

Gesù non andava di fretta, non guardava l’ orologio per finire presto l’ incontro, era sempre a servizio della persona che incontrava per ascoltarla». Sul suo esempio anche noi siamo chiamati a coltivare l’ arte dell’ incontro. Non si tratta di «organizzare eventi o fare una riflessione teorica sui problemi», ma prendersi tempo per l’ incontro con il Signore e tra di noi.

Il Papa torna sull’ importanza dell’adorazione spesso trascurata. Ma è la preghiera, l’ ascolto dello Spirito che ci suggerisce cosa Dio vuole dalla Chiesa. Ed è la preghiera che ci aiuta anche ad aprirci agli altri, ad avere coraggio e disponibilità a farci interpellare, «mentre talvolta preferiamo ripararci in rapporti formali o indossare maschere di circostanza, lo spirito clericale, di corte».


PER APPROFONDIRE: Ventidue anni dal Sinodo reggini: «Esperienza unica da rivalorizzare»


Il discernimento comunitario

Questo è il Sinodo, «un cammino di discernimento spirituale, discernimento ecclesiale che si fa nell’ adorazione, nella preghiera, a contatto con la Parola di Dio. E la seconda Lettura proprio oggi ci dice che la Parola di Dio “è viva, efficace e più tagliente di ogni spada a doppio taglio; penetra fino al punto di divisione dell’ anima e dello spirito e scruta i sentimenti e i pensieri del cuore”».

È la Parola che ci apre al discernimento. «Essa», insiste Francesco, «orienta il Sinodo perché non sia una “convention” una convention ecclesiale, un convegno di studi o un congresso politico, che non sia un parlamento, ma un evento di grazia, un processo di guarigione condotto dallo Spirito Santo.

In questi giorni Gesù ci chiama, come fece con l’ uomo ricco del Vangelo, a svuotarci, a liberarci di ciò che è mondano, e anche delle nostre chiusure e dei nostri modelli pastorali rispettivi; a interrogarci su cosa ci vuole dire Dio in questo tempo e verso quale direzione vuole condurci».

Articoli Correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.