Avvenire di Calabria

La Chiesa universale festeggia, oggi, san Giuseppe Lavoratore: il padre putativo di Gesù fu un operaio ed è il patrono dei lavoratori

Primo Maggio, la Chiesa festeggia san Giuseppe lavoratore

La decisione recente. È una festa istituita da Pio XII nel 1955 con l’intenzione di dare al mondo del lavoro un protettore e un modello

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La Chiesa universale festeggia, oggi, san Giuseppe Lavoratore: il padre putativo di Gesù fu un operaio ed è il patrono dei lavoratori. La decisione recente. È una festa istituita da Pio XII nel 1955 con l’intenzione di dare al mondo del lavoro un protettore e un modello.

La Chiesa festeggia oggi san Giuseppe lavoratore

Nella festa del 19 marzo san Giuseppe viene festeggiato come padre putativo di Gesù: questa paternità lo qualifica e lo esalta facendo di lui uno dei personaggi più significativi e amati della Chiesa. Oggi invece si ricorda san Giuseppe nella sua condizione di operaio, di carpentiere e, come tale, patrono dei lavoratori.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


È una festa istituita da Pio XII nel 1955 con l’intenzione di dare al mondo del lavoro, che viveva problematiche nuove e di grande peso su tutta la società, un protettore e un modello. Ricordare san Giuseppe carpentiere significa anche riportare alla memoria l’ambiente in cui Cristo è nato ed è cresciuto come uomo, l’ambiente in cui ha vissuto quasi tutta la sua vita. Significa dunque ricordare che anche il Signore Gesù ha lavorato con mani di uomo, e di tutto l’uomo e di ogni uomo è modello e salvatore.


PER APPROFONDIRE: Lavoro, la pandemia sta cambiando tutto: nuove professioni, dimissioni e mini-job


Lo stesso giorno, si ricorda anche san Riccardo Pampuri. Nato il 2 agosto 1897 a Trivulzio (Pavia), studente di medicina, durante la prima guerra mondiale prestò servizio militare a Vittorio Veneto negli ospedaletti da campo, dove si distinse per generosità ed eroismo. Finita la guerra, nel 1921, si laureò in medicina specializzandosi in ostetricia e ottenne la condotta a Morimondo, vicino ad Abbiategrasso. Mise a servizio di quella popolazione con la sua scienza anche tutta la sua dedizione, il suo tempo e le sue risorse. Nel 1927 entrò, a Milano, nell’ordine ospedaliero dei Fratebenefratelli e anche qui si distinse per la sua carità. Ammalatosi gravemente di tubercolosi, morì nel convento-ospedale di S. Giuseppe a Milano il 1° maggio 1930, a soli 32 anni. Il 4 ottobre 1981 Giovanni Paolo II lo proclamava beato; è stato canonizzato nella festività di Tutti i Santi, il 1° novembre 1989.

Articoli Correlati

san pasquale

Oggi la Chiesa festeggia san Pasquale Baylon

Non fu mai ordinato prete, ma è considerato il «teologo dell’Eucarestia»: morì proprio il 17 maggio del 1592 a Villa Real. Visse con profonda vicinanza al cuore del Vangelo.