Avvenire di Calabria

Scoppia il caso a Palazzo Alvaro, la nota di Tripodi (Identità Territorio)

«Quella lapide in Provincia va rimossa»

Si preannuncia bagarre in seno al nuovo Consiglio Metropolitano

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

«In prima pagina sul Corriere della Sera, il giornalista Sergio Rizzo ha ripreso la notizia della lapide dei "decaduti eroi" della provincia di Reggio Calabria, notizia che coraggiosamente tramite facebook abbiamo denunciato nei giorni scorsi, una volta scoperta l’esistenza di una lugubre edicola muraria con i nomi di tutti i consiglieri provinciali apposta all’interno dello storico Palazzo della Provincia», spiega in una nota Michele Tripodi, Sindaco di Polistena e candidato al Consiglio Metropolitano (che succederà alla Provincia) con la lista "Identità Territorio a sinistra".
«È davvero sconsiderato autocommissionarsi - prosegue - una roba del genere, anche perché tutti i nominativi scolpiti, appartengono a politici vivi e vegeti, i quali allo stato attuale, non risultano combattenti morti per la democrazia, la libertà, la patria, o per altra nobile e giusta causa. Molti amministratori, mediocri, alcuni anche indagati, altri ricandidati al Consiglio Metropolitano, autotrasformati in eroi a perenne memoria. Ci chiediamo chi e perché ha ideato e realizzato tutto questo, partorendo
 una lastra di marmo costosa e di notevoli dimensioni, offensiva oltre che della storia dei giusti, anche del senso della misura. Essa pertanto merita solo di essere cancellata al più presto». «A tal fine chiediamo sin d'ora al nascente Consiglio metropolitano ed al suo Sindaco in pectore, Falcomatà, - conclude Tripodi -  la rimozione della lapide col ripristino dei luoghi a spese di coloro che l'hanno ideata e commissionata. Se il 7 agosto entreremo in Consiglio metropolitano, la formalizzazione di tale richiesta, sarà il primo atto ufficiale della lista "Territorio ed identità a sinistra"».

Articoli Correlati

Giorgia Meloni agita le regionali in Calabria

Giorgia Meloni agita le regionali in Calabria

L’affaire Rai spacca la coalizione: Giorgia Meloni mette ufficialmente in mora il centrodestra: «Occhiuto? Regole saltate». Riscalda i motori Wanda Ferro. Nel centrosinistra, c’è anche Oliverio.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.