Avvenire di Calabria

Un furto sacrilego interessò nel 1983 le reliquie di San Francesco di Paola, "indagine ripresa dal comandante Taglietti e dalla sua squadra"

Reliquie San Francesco di Paola: «Bene la ripresa delle indagini»

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

I Frati minimi del santuario di Paola insieme al loro correttore, padre Francesco Trebisonda, e al sindaco di Paola, Roberto Perrotta, manifestano «vivo apprezzamento al generale dei carabinieri Roberto Riccardi per la riapertura dell’azione investigativa sul furto sacrilego del 1983 che interessò le reliquie di San Francesco di Paola, indagine ripresa dal comandante Taglietti e dalla sua Squadra». Lo afferma una nota stampa dei Frati minimi. «Non abbiamo mai perso le speranze del ritrovamento e pertanto, non possiamo non benedire l’iniziativa messa in atto dalle Forze dell’ordine». I Frati minimi, «unitamente a tutti i devoti di san Francesco sparsi in Italia e nel mondo» auspicano «la buona riuscita delle indagini e fanno partire anche loro un appello importante, affinché si collabori con tutte e le forze e con ogni mezzo per far ritornare nel santuario di Paola il bottino disgraziatamente trafugato nel 1983».

Agensir

Articoli Correlati

Balzo di positivi in Calabria, oggi sono 110

Balzo di positivi in Calabria. Secondo l’ultimo bollettino della Regione sull’emergenza Covid-19, oggi si contano ben 110 casi in più di soggetti che hanno contratto il virus su tutto il territorio regionale

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.