Ruffini: «La stampa cattolica difende uno spazio di libertà» – avveniredicalabria

avveniredicalabria

Il prefetto del Dicastero vaticano per la Comunicazione, Paolo Ruffini, si sofferma sull'importante dei periodici diocesani

Ruffini: «La stampa cattolica difende uno spazio di libertà»

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La stampa cattolica serve «a costruire un orizzonte di senso. A vedere e raccontare cose che altri non vedono. A difendere uno spazio di libertà nella verità; e a offrirlo a tutti in un tempo in cui sia la verità che la libertà di pensiero che la condivisione sembrano merce sempre più rara». È quanto scrive Paolo Ruffini, prefetto del Dicastero vaticano per la Comunicazione.

Citando parole del discorso di papa Francesco per il 60° anniversario dell’Ucsi, Ruffini afferma che «abbiamo bisogno di media che sappiano distinguere il bene dal male, ricostruire la memoria dei fatti, lavorare per la coesione sociale. A questo servono i settimanali diocesani, che solo sbagliando metro di misura qualcuno potrebbe definire come piccoli giornali. Non ci sarebbe nessuna dimensione nazionale – rimarca -, se non ci fosse una presenza territoriale; nessun senso di appartenenza a un destino comune condiviso se questo non fosse fondato sui territori e le loro storie, le loro culture, le loro memorie».

La sfida da affrontare, per Ruffini, «ruota intorno al concetto di locale nell’era della rete, dove non esiste più né centro né periferia, tanto che luoghi decisamente periferici come Cupertino o Palo Alto sono divenuti il centro della civiltà dei big data». E ruota intorno anche «al concetto di globale, che solo se contempla le diversità non precipita nel banale. Questa è la vostra, la nostra frontiera. In questa battaglia – conclude -siamo tutti chiamati. Con l’umiltà di accettare la parte che ci è data, ma anche con l’ambizione di poter riuscire; senza complessi di inferiorità, puntando a coinvolgere nella nostra comunicazione tutti coloro (e fra di essi i giovani soprattutto) che non aspettano altro che trovare chi da loro voce e risposte alle domande di verità inevase dal sistema dei media».

Articoli Correlati

Michele Porcelli, il cordoglio di Avvenire di Calabria

L’operatore e registra di LaC Tv è morto in circostanze tragiche durante le riprese di uno speciale sul quale stava lavorando assieme ai colleghi Comito e Bellissimo. Nel tentativo di recuperare il suo drone ha perso l’equilibrio ed è scivolato in un dirupo.

Libertà di stampa, crescono violenze e attacchi

Il 2020 ha segnato un record negativo quanto a violazioni nell’Ue: 245 segnalazioni in 22 Paesi membri dell’Ue, relative a minacce, insulti, ostacoli di varia natura a danno di 873 persone o entità legate ai media

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.