Avvenire di Calabria

Il racconto di una docente dopo un anno fianco a fianco con gli studenti della scuola serale di Reggio Calabria

«Non è mai troppo tardi», finite le lezioni della scuola serale a Reggio Calabria

Una vera e propria seconda possibilità che gli allievi, non più giovanissimi, si concedono per migliorare la loro vita

di Mariangela Latella

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il racconto di una docente dopo un anno fianco a fianco con gli studenti della scuola serale di Reggio Calabria. Una vera e propria seconda possibilità che gli allievi, non più giovanissimi, si concedono per migliorare la loro vita.

Le lezioni alla scuola serale di Reggio Calabria

Non è mai troppo tardi per concedersi una seconda possibilità! Ecco la frase che ascolto spesso tra “i miei ragazzi” del nuovo Corso Serale per Geometri (CAT: costruzione, ambiente e territorio) presso l’IIS “A. Righi” che ha avuto inizio il primo ottobre 2021 prevedendo, come nel diurno, tutte le discipline che consentono di formare i futuri geometri del domani.

Sono ragazzi/adulti che lavorano fino a qualche istante prima del suono della campanella d’ingresso, portandosi dietro il sudore, la fatica, la stanchezza della dura giornata di lavoro e ripartendo da un’insaziabile sete di curiosità e voglia di apprendere per la propria crescita professionale, districandosi ogni giorno in nuove nozioni ed abilità che gli consentiranno di cambiare al termine del percorso le loro prospettive future.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Tra i banchi si respira il profumo dell’asfalto e del cemento di operai edili e stradali, di pappette e notti insonni di neomamme e future mamme e di neopapà, di compiti e attività scolastiche o pomeridiane di genitori coi propri figli.

Tutto ciò costituisce un importante valore aggiunto al corso serale, non solo per la condivisione di esperienze differenti di vita, ma soprattutto di eterogeneità generazionale all’interno della classe che diventa motivo di condivisione, integrazione culturale e sociale. Sono studentesse e studenti che conoscono bene cosa sia l’impegno lavorativo, ma anche quello per lo studio intrapreso, per il quale all’interno dell’istituto trovano un valido supporto nella figura di docenti altamente qualificati che li accompagnano, sostengono e supportano in ogni fase del percorso, sotto la supervisione dei coordinatori e della dirigente avv. Maria Daniela Musarella.

Anch’io come questi ragazzi negli scorsi anni ho intrapreso, dopo anni di lungo stallo che mi vedevano occupata nel mio ruolo di madre, un percorso di studi universitario presso l’ISSR “mons. V. Zoccali”, che mi ha consentito di potere oggi realizzare le mie aspettative formative e lavorative varcando le porte dell’insegnamento della Religione Cattolica.

Il Corso Serale, oltre alla formazione didattico disciplinare mediante professionisti e strumenti multimediali e digitali inerenti allo specifico indirizzo di studio, consente di potere partecipare ad attività e progetti extracurriculari, di effettuare visite didattiche presso musei, siti archeologici, cantieri del nostro distretto reggino ampliando le competenze previste per il raggiungimento del traguardo formativo.


PER APPROFONDIRE: Scuola e docenti precari, tutti i numeri sui posti disponibili in Calabria


I ragazzi sono stati, inoltre coinvolti insieme agli studenti del diurno, partecipando attivamente e in modo propositivo al progetto formativo e di sensibilizzazione “#curaognivita2022” presentato dall’Ufficio Diocesano per la Pastorale Familiare, al questionario proposto dal Sinodo per gli IRC che ha visto coinvolte  molte scuole del distretto diocesano e la visita al cantiere Sielte che vedrà la realizzazione del raccordo stradale Gallico-Gambarie.

Sono già aperte, infine, le iscrizioni per il prossimo anno scolastico 2022/23, per tutti coloro che desiderano darsi “una seconda opportunità”: lavorativa, formativa, integrativa del proprio percorso di vita.

Non ci sono tempi prestabiliti nella scuola, non ci sono tempi andati e opportunità perse, perché “non è mai troppo tardi” ri-cominciare, regalarsi un periodo per crescere, potenziare e allargare le proprie conoscenze o per riappropriarsi del tempo tralasciato. Nulla è mai perduto perché per ogni tempo c’è una spiegazione che consentirà in seguito di ripartire per realizzare i propri sogni.    

Articoli Correlati

La migrazione è ricchezza anche per chi accoglie

La migrazione può essere ricchezza per chi accoglie? In vista della Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato che si celebra il 25 settembre, il Papa ci offre tanti spunti di riflessione.