Avvenire di Calabria

Maria Antonietta Rositani, sopravvissuta al tentativo di omicidio da parte del suo ex marito, verrà premiata a Soriano Calabro

Soriano, premio dei padri domenicani a Maria Antonietta Rositani

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il Premio della Pace e della Solidarietà “Santa Caterina da Siena – Soriano Calabro” sezione “Donne del nostro tempo, giunto alla sua IV edizione, va Maria Antonietta Rositani. 

Mamma di 43 anni di Reggio Calabria, sopravvissuta il 12 marzo 2019 al tentativo di omicidio da parte del suo ex marito: «Mi ha lanciato la benzina addosso e mi ha detto: muori», ma «sento una forza incredibile che mi viene dall’amore ai miei figli e che mi ha fatto scappare». Dopo il calvario di oltre duecento interventi chirurgici è tornata a casa, in attesa dello sviluppo del processo di appello nei confronti di Ciro Russo e chiede una giusta condanna: «Non solo per me, ma per tutte le donne che stanno soffrendo in questo momento e che potrebbero trovarsi nella mia stessa situazione o addirittura in una peggiore della mia».
Il riconoscimento, assieme a quello della sezione “in memoria” a Maria Chindamo, sarà consegnato giovedì 29 aprile alle 17.30 presso il Santuario di San Domenico a Soriano Calabro.
L’iniziativa dei Padri Domenicani è nel segno della continuità a quanto Papa Francesco invita a fare: «Vivere le fragilità, il peccato, le ingiustizie nella luce del Risorto, per reinventare la propria umanità».
Perché, come afferma Maria Antonietta: «L’amore non lascia mai lividi sul corpo, non offende». E il sorriso con cui pronuncia queste parole, in forza della sua fede in Gesù Cristo e che saranno ripetute a Soriano, sono una speranza e una certezza, non solo per le donne…

Articoli Correlati

Monsignor Vittorio Mondello: «Fede e magistero, ecco chi è il vescovo»

«Il vescovo è principio e fondamento visibile dell’unità della Chiesa particolare, come il Papa è principio e fondamento visibile della Chiesa Universale». Cosa significa tutto questo? A spiegarlo è monsignor Vittorio Mondello, arcivescovo emerito della diocesi di Reggio Calabria – Bova ed ecclesiologo.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.