Avvenire di Calabria

L'integrazione che inizia dallo sport, questo il senso dell'iniziativa promossa dagli Uffici diocesi sport e tempo libero e per la Pastorale delle persone con disabilità

Sport e disabilità, la diocesi di Rossano promuove l’evento “O tutti o nessuno”

Durante l'evento che si è svolto a Corigliano ospitato un incontro dimostrativo di Torball, sport che può essere pratico insieme da ciechi, ipovedenti e vedenti

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Si è tenuto nei giorni scorsi nel centro Oratorio salesiano dell’area urbana di Corigliano, un incontro dimostrativo e di sensibilizzazione del gioco del torball, attività sportiva a squadre di 3 persone praticato da ciechi, ipovedenti e vedenti, inserito nell’ambito dell’evento “O tutti o nessuno” della diocesi di Rossano - Cariati.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Un’iniziativa organizzata dall’Ufficio per la pastorale delle persone con disabilità e dall’Ufficio sport e tempo libero della diocesi di Rossano Cariati, con la collaborazione della polisportiva Olimpya e dell’Unione italiana ciechi. «Siamo felici di aver vissuto questa giornata, perché è importante far conoscere questo sport. La nostra realtà con la collaborazione con l’Unione italiana ciechi sta crescendo e ci dà la possibilità di girare l’Italia, ma soprattutto dà la possibilità ai ragazzi ciechi di poter fare sport». Sono state le parole di Kevin Garofalo, allenatore della Olimpya.

Presenti all’appuntamento assieme a don Pino Straface, vicario generale della diocesi di Rossano Cariati, anche il presidente dell’Unione italiana ciechi Franco Motta ed il suo vice Roberto Crocco, don Agostino Stasi, direttore dell’ufficio diocesano per la pastorale delle persone con disabilità, e don Rocco Grillo, direttore dell’ufficio diocesano sport e tempo libero.


PER APPROFONDIRE: A Reggio Calabria l’autonomia per persone con disabilità è ancora un miraggio


«Siamo grati all’arcidiocesi di Rossano Cariati e alla struttura che ha creato per le persone con disabilità. Grati anche per l'organizzazione di manifestazioni come questa che ci aiutano ad abbattere il pregiudizio che una persona con disabilità non può praticare sport. Questa disciplina annulla la disabilità e realizza l’inclusione». Ha dichiarato Giovanni Bilotti dell’Unione Italiana ciechi, riconoscendo la valenza inclusiva di uno sport, che pur non essendo ancora inserito tra quelli paralimpici, riesce a far giocare in campo squadre in cui la disabilità si annulla e si compete alla pari tra ciechi e vedenti.

Articoli Correlati

Cibo sintetico, dalla Calabria un netto «no»

L’associazione di categoria a difesa delle produzioni genuine e del Made in Italy aveva lanciato una petizione a cui hanno aderito anche il governatore Occhiuto e tanti vescovi italiani.