avveniredicalabria

Otto persone sono state arrestate da personale della squadra mobile di Reggio Calabria

Taurianova, il boss continuava a impartire ordini dal carcere

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Otto persone sono state arrestate da personale della squadra mobile di Reggio Calabria e del Commissariato di Ps di Taurianova, con il supporto del Commissariato di Cittanova, con l'accusa, a vario titolo, di associazione mafiosa, estorsione e intestazione fittizia di beni aggravata dall'avere agevolato la cosca di 'ndrangheta Cianci-Maio-Hanoman operante nel territorio di San Martino di Taurianova.

I provvedimenti, sei di custodia cautelare in carcere e due ai domiciliari, sono stati disposti dal Gip di Reggio Calabria su richiesta della Dda. In carcere sono finiti Domenico Cianci, di 71 anni; Concettina Gligora (39), Domenico Forgetti (33), Giuseppe Mavrici (44), Damiano Forgetti (33) e Annunziato Chirico (51). Ai domiciliari Rachela Cianci (73) e Damiano Cianci (78). Dopo l'arresto del boss Domenico Cianci, nel 2014, nell'ambito dell'operazione "Vecchia Guardia" l'indagine è proseguita attraverso le intercettazioni dei colloqui in carcere di quest'ultimo con i suoi familiari.

Articoli Correlati

Mafia e petroli, blitz tra Calabria, Campania e Lazio

Le mani delle mafie sui petroli, operazione della Guardia di Finanza tra Napoli, Roma, Catanzaro e Reggio Calabria. 70 gli arresti. Le accuse: associazione di tipo mafioso, riciclaggio e frode fiscale di prodotti petroliferi. Sequestro per 1 miliardo

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.