Avvenire di Calabria

È ancora caccia all'uomo

Tenta di dare fuoco all’ex moglie e poi fugge, ecco il video

Francesco Creazzo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Ha aperto lo sportello dell’auto della ex moglie, ha gettato addosso alla donna del liquido infiammabile, poi le ha dato fuoco. È accaduto questa mattina a Reggio Calabria, in via Frangipane, appena fuori dal centro storico. Il responsabile del tentato omicidio è Ciro Russo, 42 anni, evaso nei giorni scorsi dagli arresti domiciliari a Ercolano, vicino Napoli. La vittima è stata ricoverata per le gravissime ustioni riportate, l’aggressore – originario di Napoli – si sarebbe a sua volta ferito durante l’aggressione contro l’ex moglie. Subito dopo il gesto, Russo è fuggito.


(Il video è stato postato da un cittadino su Facebook, ndr)
La polizia ha avviato la caccia all’uomo: oltre ad aver dispiegato uomini e mezzi per prenderlo, ha diffuso la sua foto, una breve descrizione fisica e le sue generalità: «Russo è di corporatura robusta, brizzolato, alto 1 metro e 88, ha gli occhi marroni, si è allontanato dal luogo del tentato omicidio bordo di una Hyundai i30 di colore grigio scuro targata FF685FW». L'auto è stata ritrovata nel pomeriggio, attorno alle 16: era parcheggiata in via Trieste, nel pieno centro storico della città calabrese. Di Russo però, al momento, non c'è traccia. Nel frattempo, le condizioni della donna rimangono stabili: nel primo pomeriggio è stato organizzato il trasferimento nel centro grandi ustionati di Bari. La prognosi resta riservata ma, secondo le indiscrezioni, la vittima è cosciente, non è intubata e non sarebbe in pericolo di vita anche se la situazione resta delicata e i medici la monitorano costantemente.

Articoli Correlati

Orfani di femminicidio, imparare a difenderli

Un seminario organizzato dagli Avvocati della “Marianella Garcia” e dal Rotary Club Reggio Nord per fare il punto sugli avanzamenti normativi che garantiscono alle giovani vittime maggiori tutele

Una legge per gli orfani di femminicidio

L’Italia è il primo paese in Europa che si è dotato di una normativa con quale si cerca di dare una risposta ad uno dei drammi sociali più virulenti che la nostra comunità abbia mai generato