Avvenire di Calabria

Il borgo grecanico si appresta a vivere i giorni della festa pur osservando tutte le restrizioni dovute al coronavirus

Torna la festa patronale a Marina di San Lorenzo

Sospese le attività civili che, negli anni, avevano allietato anche i paesi dell'hinterland dell'area grecanica reggina

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Torna la festa patronale a Marina di San Lorenzo. Il borgo grecanico, nei primi giorni di agosto, vivrà la consueta preghiera alla Santissima Trinità.

Torna la festa patronale a Marina di San Lorenzo

La comunità di Marina di San Lorenzo e la parrocchia del borgo jonico, anche se in tono minore, proporranno un momento di forte aggregazione e di profonda spiritualità: la festa della Santissima Trinità, che tra qualche giorno, animerà la comunità laurentina. In questo difficile momento, l’evento religioso, assume un significato molto particolare. Ci porta infatti a volgere lo sguardo alla realtà di Dio e al mistero della salvezza, realizzato dal Padre, per mezzo del Figlio, nello Spirito Santo, rammentandoci che l’amore di Dio verso di noi è tutto, ed eterno.

La particolare fase storica

«Quest’anno», ha spiegato don Giovanni Zampaglione, «nel rispetto delle restrizioni imposte dal Covid-19 ci saranno soltanto le celebrazioni religiose, incorniciate dai canti liturgici eseguiti dal Coro della Parrocchia Santissima Trinità e momenti di riflessione». Non avranno quindi luogo la consueta processione per le vie del paese ed i festeggiamenti civili.

Il programma religioso

Come vuole la tradizione, le celebrazioni religiose inizieranno giovedì 5 agosto, con la messa delle 18.30. Proseguiranno venerdì 6 e sabato 7 agosto con la recita del Santo Rosario seguito alle 18.30 dalle Sante Messe. Al termine di ogni celebrazione in programma ci sarà l’Adorazione Eucaristica. Si arriverà così all’ ultima giornata di domenica 8 agosto. Essa, avrà come parte centrale le Sante Messe delle ore 9 e 19. «A quest’ultima», ha evidenziato il parroco, «parteciperanno i portatori della Sacra Effigie della Santissima Trinità».

L'auguro di don Zampaglione

«Mi auguro», ha concluso il parroco, «che la Festa della SS. Trinità ci faccia crescere nello spirito di comunione e del volerci bene».

Articoli Correlati

Morrone scrive agli studenti

Morrone scrive agli studenti: «Siate costruttori di un mondo umano»

La lettera inviata dal presule reggino in occasione dell’apertura dell’anno scolastico. L’invito a ripartire dopo il Covid: «Il desiderio di vivere insieme, di condividere una comune avventura, è grido insopprimibile dell’anima acutizzato dalla pandemia, segnalandoci che le relazioni sono come l’ordito e la trama che strutturano il nostro tessuto umano, il tuo»

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.