avveniredicalabria

Il vescovo di Cassano all'Jonio esprime solidarietà alle famiglie colpite

Tragedia del Raganello, Savino: «Preghiamo per le vittime»

E raccomanda: «Le gole sono affascinanti ma serve prudenza»

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“È l’ora del silenzio, della preghiera, della meditazione profonda del dolore per questa sciagura umana”. Lo ha detto al Sir monsignor Francesco Savino, vescovo di Cassano all’Jonio, a proposito della tragedia avvenuta sul fiume Raganello, a Civita (Cs), dove per la piena del fiume dovuta alle cattive condizioni metereologiche sono morti dieci escursionisti, una bambina è in gravi condizioni e altre tre persone sono attualmente disperse. “Le parole sono impotenti e incapaci di rappresentare ed esprimere i nostri sentimenti”, ha detto il presule, che si è recato pochi minuti fa sul Raganello. “Un abbraccio fortissimo e una vicinanza a tutti i familiari delle vittime. Per loro è l’ora della consolazione. Per la vittime una preghiera per il riposo eterno. Da parte mia, c’è una grande disponibilità perché alle vittime e ai familiari non manchi nulla”. Per monsignor Savino, “nelle gole del Raganello la bellezza e la morte si sono scontrate e contese la vita di questi nostri fratelli e sorelle. Questo disastro immane ci pone domande sul senso della vita”. “Le gole – prosegue il vescovo – sono affascinanti e bellissime ma anche pericolose, tutti quelli che vogliono fare un cammino, un’escursione devono essere accompagnate da guide. Si esige un po’ di prudenza e il meteo ci indicava la prudenza”.

Articoli Correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.