Vaccino, il cappellano del Gom: «Chi può, lo faccia» – avveniredicalabria

avveniredicalabria

Effetti collaterali? «Nessuno, sto molto peggio quando faccio quello anti-influenzale» sottolinea

Vaccino, il cappellano del Gom: «Chi può, lo faccia»

Federico Minniti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Don Stefano Iacopino attende la nostra telefonata al mattino, il nostro leggero ritardo - si sa i giornalisti vanno sempre di fretta - lo porta a scriverci su WhatsApp: «Veloce che devo andare in reparto». Adesso - nel svolgere il suo ministero di cappellano del Grande ospedale metropolitano - è più sereno. Pochi giorni fa si è sottoposto al vaccino, un primo passo verso la normalità.

Don Iacopino, come si sente?
Sto bene. Se la sua domanda è se ho avuto “effetti collaterali” dopo il vaccino anti-Covid, la mia risposta è no. Un po’ di mal di testa e un piccolo livido dove è stato inoculato il vaccino. Se devo dirle la verità, in passato, ho avuto più malessere dopo la somministrazione del consueto vaccino anti-influenzale.

Dalle sue parole sembra che sia stata una passeggiata...
Sarò sincero: prima di sottopormi al vaccino avevo qualche dubbio. Onestamente vedendo la risposta massiccia del personale ospedaliero, parlando a tu per tu con diversi medici ho capito che dovevo fidarmi. Per me, ma anche per il servizio che faccio: se conto le ore che passo fuori dall’ospedale sono davvero poche.

In effetti, lo scetticismo c’è, ma il Covid-19 non sembra volersi fermare.
Proprio per questo bisogna vaccinarsi! Attualmente è l’unica arma contro il Coronavirus. In questi mesi ho visto la situazione in cui versano le persone ricoverate: spesso è stato atroce. La verità è che, senza vaccino, non c’è cura specifica al momento. Per cui, con molto serenità, chi è nelle condizioni di farlo, deve farlo.

Com’è la situazione al Gom?
Ho notato negli ultimi giorni un aumento dei ricoveri. Ogni volta che i numeri crescono, chiaramente, aumenta anche la difficoltà a gestire la situazione. L’assenza delle famiglie per assistere i propri cari fa pesare ancor di più le mancate assunzioni che non sono state fatte come promesso. Il personale è ridotto all’osso e purtroppo molta gente rischia di restare sola. Pensiamo agli anziani che non riescono a gestirsi da soli e che sono i più colpiti dalla pandemia.

La sua azione non si è mai fermata, un bel segnale.
Siamo contenti di aver avuto tante volte anche l’arcivescovo con noi. Sono stati dei momenti vissuti con molta intensità che ci hanno aiutato a ricordarci la presenza del Signore nella nostra vita.

Articoli Correlati

Campagna Vaccini. Medici volontari in supporto al GOM

L’accordo prevede in termini fattuali la collaborazione sinergica tra i due soggetti che permetteranno ai medici su base volontaria, a partecipare attivamente ai turni di vaccinazione organizzati dal G.O.M. per accelerare la campagna vaccinale.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.