Avvenire di Calabria

In vista della Festa della liberazione diverse iniziative: si inizia giorno 19

Verso il 25 Aprile. Tra passato, presente e futuro

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La costituenda sezione ANPI “Ruggero Condò”, dal 19 al 26 aprile, metterà in campo iniziative civili e culturali per l’imminente Festa della Liberazione. Sono quattro gli spunti mediante i quali l’articolazione reggina dell’Associazione Nazionale Partigiani Italiani celebrerà il 25 Aprile tra passato presente e futuro, iniziando dai giorni che precederanno questa storica data di giustizia, libertà e democrazia.

Nel dettaglio, guardando al passato, la prima è la lettura di toccanti missive inviate da antifascisti condannati a morte ai propri cari in prossimità del patibolo, a testimonianza del grande sacrificio compiuto per gli elevati valori personali e collettivi incarnati dalla Resistenza.

Pensando al presente, la seconda è il seminario sul tema del “femminismo intersezionale, che verrà riempito di contenuti da accademici ed esperti e che si caratterizzerà per una successiva discussione. E c’è anche una terza, cioè la rivisitazione e rivitalizzazione dei canti della tradizione partigiana, che verranno interpretati da artisti locali.

Rivolgendoci al futuro, la quarta iniziativa è la distribuzione della Costituzione italiana nelle scuole, con la chiara finalità di educare le nuove generazioni ai valori della nostra carta fondamentale nata dalla Resistenza antifascista, e il contestuale appello alle istituzioni a prendere un concreto impegno nel concretizzarne i contenuti, sia nell’immediato che nel programmare l’azione amministrativa.

Dunque, l’ANPI non è solo memoria, ma è anche affrontare delicate questioni attuali e temi strategici, tra il locale e il globale, sempre all’insegna di principi di giustizia, libertà e democrazia. Questo non è solo lo spirito di questo 25 Aprile in modalità “online”, ma anche e soprattutto di quanto la costituenda sezione “Ruggero Condò” vuole praticare sui territori e fra la gente, attraverso cultura, civismo e solidarietà, specialmente appena la terribile morsa del Covid19 si sarà finalmente allentata.

Quindi, le iniziative per la Festa della Liberazione, che nei prossimi giorni verranno di volta in volta comunicate sulle proprie pagine social e mediante le testate giornalistiche locali, sono solo l’esordio della costituenda sezione “Ruggero Condò”, visto l’intento della stessa di costruire sin da subito collaborazioni con realtà territoriali come NUDM e UISP, che da anni si impegnano quotidianamente per difendere e diffondere i valori della lotta al Nazifascismo e quelli della consequenziale Costituzione repubblicana.

Articoli Correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.