Avvenire di Calabria

La diocesi calabrese ha riflettuto sul tema "Comunico ergo sum" partendo dalle parole di papa Francesco

Vincenzo Morgante ospite della Giornata delle comunicazioni sociali di Cassano allo Ionio

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Mercoledì 12 maggio, alle ore 18.30, per la Giornata delle comunicazioni sociali, evento promosso dalla diocesi di Cassano sul tema: “Comunico ergo sum”!? «Vieni e vedi» (Gv 1, 46). Comunicare incontrando le persone come e dove sono (messaggio del Santo Papa Francesco per la IV Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali). I lavori saranno introdotti da Pietro Groccia, direttore Ufficio per le Comunicazioni sociali e vicario per la cultura della diocesi, a cui seguirà la relazione di Vincenzo Morgante, direttore TV2000. Dialogano con il relatore: Rocco Gentile, Domenico Marino, Francesco Garofalo e Ines Raisa Fortunato. Le conclusioni affidate a monsignor Francesco Savino, Vescovo di Cassano all’Jonio L’incontro sarà trasmesso in diretta streaming sui canali social Youtube e Facebook della Diocesi. Mentre, il prossimo 15 maggio, vigilia della giornata Mondiale delle comunicazioni sociali, il Vescovo Savino, consegnerà agli operatori della comunicazione il suo messaggio dal titolo: “La crisi delle parole. Far parlare i silenzi”.

Articoli Correlati

Monsignor Morrone prega sulla tomba di don Italo Calabrò

Il vescovo si è recato sulla tomba di don Italo Calabrò: oggi ricorrono i 31 anni dalla morte del sacerdote. Pomeriggio, alle 18, la messa in suffragio sarà celebrata da monsignor Vittorio Luigi Modello a Casa Gullì. Morrone, durante la sua omelia di insediamento, aveva indicato don Calabrò tra i testimoni di servizio ecclesiale della diocesi.

Monsignor Fortunato Morrone prenderà possesso della Concattedrale di Bova

Grande trepidazione nel borgo dell’Area grecanica reggina dove domenica arriverà il nuovo pastore. Il presule pitagorico rivolgerà una preghiera particolare al compatrono della diocesi, San Leo. Alle 10, previsto un incontro con le autorità e subito dopo il rito di presa di possesso canonico della Concattedrale dell’Isodia.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.