Avvenire di Calabria

I giovani reggini stamattina hanno pregato con le Monache Agostiniane a Roma

108 ragazzi di Reggio Calabria incontreranno oggi Papa Francesco

I pellegrini prenderanno parte all'evento #Seguimi, promosso dalla Cei

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Due autobus pieni di giovani adolescenti sono partiti da Reggio Calabria: i ragazzi incontreranno il Papa. Parteciperanno, infatti, all'incontro promosso dal Servizio nazionale per la Pastorale giovanile della Cei, #Seguimi. Nel pomeriggio ci sarà anche l'esibizione di Blanco, vincitore dell'ultimo festival di Sanremo. I ragazzi partiti da Reggio Calabria, stamattina hanno già vissuto un momento di preghiera presso un Monastero di Roma.

Da Reggio Calabria incontro al Papa, un viaggio di fede

Sono partiti ieri sera alle 23 da piazza Garibaldi, nei pressi della stazione centrale di Reggio Calabria, per incontrare il Papa. Un viaggio in autobus durato tutta la notte, tra canti, momenti di preghiera e qualche ora di riposo. Stamattina l’arrivo a Roma presso le Monache agostiniane dei Santi quattro coronati e oggi pomeriggio l’incontro con Papa Francesco. Questo è il programma del Pellegrinaggio a Roma organizzato dall’Ufficio di Pastorale giovanile di Reggio Calabria diretto da don Michele D’Agostino, in occasione dell’evento #Seguimi.

L'incontro dei ragazzi reggini con le Monache Agostiniane

Si tratta di un incontro nazionale di preghiera con il Papa promosso dalla Cei e rivolto a tutti i ragazzi delle diocesi italiane. «Quando abbiamo cominciato ad organizzare questo incontro ci sembrava già folle la cifra di 20mila: oggi siamo a 57mila ragazzi iscritti per il pellegrinaggio e l’incontro di preghiera con il Papa». L’evento sarà trasmesso in diretta da Vatican News, sarà possibile seguirlo a questo link.

Don Michele Falabretti, responsabile del Servizio nazionale della Cei per la pastorale giovanile (Snpg), non cela la soddisfazione per l’affluenza «straordinaria» dei preadolescenti e adolescenti italiani all’evento del 18 aprile, che culminerà con la Veglia di preghiera presieduta da papa Francesco in piazza San Pietro alle 18.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Affluenza maturata prima dell’annuncio della presenza del cantante Blanco in piazza. «Noi non ce lo aspettavamo» racconta don Falabretti, presentando la giornata ai giornalisti ospitati nella Sala Marconi della RadioVaticana. «L’entusiasmo generato – aggiunge – è molto importante per gli educatori, per le nostre chiese, per i legami che si creeranno, e non era così prevedibile dopo i due anni di pandemia». Infatti «quella di oggi è una comunicazione che, purtroppo, punta molto ai temi della guerra, ma forse ci siamo dimenticati che fino ad un mese e mezzo fa ogni settimana le testate nazionali dedicavano almeno una pagina alla depressione e alle fatiche degli adolescenti». E proprio per questi ragazzi è nato “Semi divento”, un progetto Cei per coinvolgere una fascia di età che con cui «la Chiesa italiana fa più fatica ad intessere legami».

Uno scatto durante il viaggio in Bus alla volta di Roma

Il programma dell'incontro dei ragazzi col Papa

Papa Francesco arriverà in piazza San Pietro alle 18, ma i ragazzi – che cominceranno ad affluire in piazza dopo il Regina Coeli, a partire dalle 14.30 – vivranno prima della Veglia di preghiera un momento di festa, che inizierà alle 16 con alcuni di loro che «racconteranno» l’oratorio e che vedrà la presenza del cantante Blanco, vincitore dell’ultimo Sanremo. A presentare l’evento sarà Andrea Delogu. Ci saranno anche Gabriele Vagnato, Giovanni Scifoni e Michele La Ginestra, e alla fine interverrà Matteo Romano. «Mentre preparavamo l’evento - ha precisato Falabretti – avevamo pensato ad un’accoglienza molto semplice, ma man mano che i numeri aumentavano abbiamo dovuto strutturarla in maniera più articolata».

Al centro della Veglia ci sarà il brano del Vangelo di Giovanni in cui si racconta della pesca miracolosa. Francesco farà il giro della piazza e saluterà i ragazzi. Dopo il saluto del cardinale Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Cei, si seguirà lo schema della “lectio divina” ma con la particolarità del momento della comprensione del testo fatta dai ragazzi.


PER APPROFONDIRE: Papa Francesco: «Preoccupato per i giovani irretiti dalle mafie»


«Alcuni di loro condivideranno che cosa questo brano del Vangelo dice alla propria vita», ha spiegato don Falabretti, aggiungendo che prima del momento di meditazione, ci sarà la testimonianza di Mattia Piccoli, il ragazzo nominato dal presidente Sergio Matterella Alfiere della Repubblica per la dedizione con cui ha seguito il suo papà malato.

Quindi il discorso del Papa. Seguirà la preghiera della pace davanti alla Madonna, la professione di fede e la benedizione finale. Rispondendo alle domandi dei giornalisti don Falabretti ha sottolineato che «tutte le regioni hanno avuto molte più adesioni di quante se ne aspettassero» e ha aggiunta che saranno almeno una sessantina i vescovi presenti. L’auspicio è «che i ragazzi vivano una buona esperienza, che possano tornare a casa con la sensazione di aver vissuto un viaggio e un incontro significativo».

Articoli Correlati