Avvenire di Calabria

Esattamente il 16 agosto del 1972 nello specchio antistante il mare di Riace Marina venivano riportate alla luce le due statue bronzee che hanno cambiato lo studio sulla Magna Grecia

50 anni fa a Riace il ritrovamento dei Bronzi

A distanza di mezzo secolo dalla sensazionale scoperta sono ancora molte le ipotesi sulle origini dei guerrieri: recenti indagini aprono a nuovi e inediti scenari

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Era il 16 agosto del 1972 quando al largo delle coste di Riace, in Calabria, dopo una segnalazione del sub Stefano Mariottini, i carabinieri riportavano alla luce due statue uniche al mondo, i Bronzi di Riace.

Sono passati esattamente 50 anni da quando una gran folla si riunì a Porto Forticchio, quasi idealmente, ad accompagnare il passaggio di quelle due immense "figure maschili" probabilmente parte di un complesso gruppo di sculture bronzee, sicuramente ad aver aperto nuovi e suggestivi scenari nello studio della Magna Grecia e non solo.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Tuttora avvolti dal mistero, i Bronzi di Riace sono diventati grazie alla loro perfezione scultorea il simbolo della Magna Grecia e della Calabria nel mondo, guadagnando recentemente la candidatura come bene UNESCO.

A 50 anni dal ritrovamento, i Bronzi saranno per i restanti mesi del 2022 al centro di una nuova narrazione della Calabria contemporanea, che ne approfitterà per raccontarsi all’Italia e al mondo attraverso un percorso di eventi alla riscoperta del territorio e della sua cultura. Una staffetta di iniziative, promosse dalla Regione Calabria che vedranno, da luglio e fino a tutto il 2023, il territorio protagonista non solo nella valorizzazione delle eccellenze locali e territoriali, ma anche in dialogo con i più importanti spazi di cultura in Italia e nel mondo con partner d’eccezione: Ministero della Cultura, Calabria Film Commission e molti altri.

Bronzi di Riace patrimonio Unesco: un iter complesso

Un percorso certamente complesso quello che conduce al prestigioso riconoscimento e che, in una prima fase della candidatura, prevede la richiesta di iscrizione nella lista propositiva nazionale (Tentative List), con la quale lo Stato segnala al Centro del Patrimonio Mondiale, World Heritage Center-WHC, i beni per i quali intende chiedere l’iscrizione nella Lista del Patrimonio Mondiale nell'arco di 5-10 anni.

Il 50° del ritrovamento dei Bronzi di Riace, dunque, rappresenta un importante banco di prova per l'intero territorio che li custodisce. Del resto è quanto hanno affermato le stesse istituzioni che si sono fatte promotrici delle iniziative legate all'anniversario della sensazionale scoperta, nonostante qualche divergenze, poi, subito rientrata, con tanto di scuse reciproche.

«Fare fronte comune in modo costruttivo», così, diventa la via da perseguire dinnanzi «a questa straordinaria opportunità di rilancio dei più importanti attrattori culturali della Calabria e della Città metropolitana di Reggio».

L'intervento a Firenze

I Bronzi, dopo un primo intervento nel Museo di Reggio Calabria, furono trasferiti a Firenze nel gennaio del 1975. Renzo Giachetti e Edilberto Formigli impiegarono un anno per acquisire i dati relativi alla conformazione delle statue. L'operazione di restauro durò cinque anni. In seguito, i Bronzi furono protagonisti di una mostra presso il Museo Archeologico di Firenze, dal 15 dicembre 1980 al 24 giugno 1981. Il Presidente della Repubblica Sandro Pertini volle che le due statue facessero tappa al Quirinale, nell'estate del 1981, per poi arrivare al Museo Nazionale della Magna Grecia a Reggio Calabria.

Come evidenziato nelle prime operazioni di consolidamento, il problema delle statue era quello del permanere delle terre di fusione al loro interno: avendo incorporato acqua salmastra per secoli, continuavano a rilasciarla deteriorando il bronzo. Per ovviare a questo inconveniente, si istituirono due cantieri di restauro a Reggio Calabria. Grazie al secondo, le statue sono state svuotate dall'argilla, perdendo la metà del loro peso.

Chi erano i Bronzi di Riace? La storia

Sono stati raccolti negli anni indizi significativi, che ci permettono di giungere ad una conclusione: la loro storia ha a che fare con quella dei Sette contro Tebe e delle statue del gruppo dei "Fratricidi". Nell'iconografia antica, la "nudità eroica" in cui vengono mostrati i Bronzi identificava dei ed eroi. Ecco, quindi, che abbiamo un indizio su chi fossero i Bronzi: due eroi. Il loro status di guerrieri è infatti indicato dalla presenza di elmi, scudi e lance. Le statue rappresentano degli opliti, con armi tipiche della metà del V secolo a.C.

Gli storici hanno individuato similitudini con il gruppo statuario dei "Fratricidi" di Pitagora di Reggio. Nel gruppo statuario, la madre di Eteocle e Polinice occupa il centro della scena nel tentativo di fermare il duello dei figli. Il Bronzo A ha un'espressione aggressiva, non diversa da quella di uno dei due fratelli, da sempre rappresentato in questo modo. I Bronzi si possono, quindi, identificare come Eteocle e Polinice, del gruppo dei "Fratricidi", nel momento in cui la madre tenta di impedirne la morte.

A cinquanta anni dal loro ritrovamento, i Bronzi di Riace sono ancora avvolti nel mistero

I Bronzi di Riace sono stati realizzati ad Argo e in seguito trasportati nella Roma imperiale per un restauro. Da quel momento sembrano sparire dall'immaginario collettivo fino al loro ritrovamento. L'archeometria ci ha permesso di seguire la storia dei Bronzi dalla loro realizzazione ad Argo, nel Peloponneso, passando per il loro trasporto nella Roma imperiale, fino al loro restauro e alla lunga esposizione al pubblico romano.

Il restauro imperiale ha dovuto sostituire il braccio destro e l'avambraccio sinistro del Bronzo B, effettuando un calco degli originali e provvedendo a una nuova fusione, per poi saldare al torso le nuove membra. Per celare questa operazione, i Bronzi furono dipinti di nero lucido, le cui tracce si notano ancora oggi.

Cosa è successo dopo?

I Bronzi erano molto noti a Roma nel I secolo d.C., eppure dal IV secolo d.C. i Bronzi sembrano sparire dall'immaginario romano. Lo studio di una parte di anfora Athenian 273, trovata incastrata tra il polso destro e l'anca destra del Bronzo A, ci permette di formulare un'ipotesi. Il libro dell'Antologia Palatina riporta la descrizione delle statue del ginnasio pubblico di Costantinopoli, detto di Zeuxippos, che erano state trasportate da Roma antica alla Nuova Roma da Costantino e da suo figlio Costanzo II. Queste, tra cui dovrebbero figurare i Bronzi, furono imbarcate per raggiungere Costantinopoli, ma la nave dovette andare incontro a un naufragio di fronte a Riace. Il viaggio dei Bronzi di Riace potrebbe non essere finito. Numerose sono le ricerche e le analisi portate avanti dal loro ritrovamento ad oggi.

Le nuove ricerche

Verso la fine del 2021 il Sindaco di Riace, Antonio Trifoli, ha annunciato un grande scavo subacqueo nel tentativo di trovare un terzo bronzo. Questa decisione si fonda sulle dichiarazioni che nel 1972 Stefano Mariottini, il sub che ha ritrovato i Bronzi di Riace, ha rilasciato ai carabinieri. Mariottini ha raccontato di aver avvistato un gruppo di bronzi, tra cui “uno con le braccia aperte e una gamba davanti all’altra”.

A questa descrizione non corrisponde nessuno dei due Bronzi rinvenuti. Inoltre, nel 2004 alcuni ricercatori a bordo di una nave statunitense hanno indicato la presenza di oggetti metallici vicino al luogo della precedente scoperta.

Il giornalista calabrese appassionato di archeologia, Giuseppe Braghò sostiene questa tesi. Insieme hanno identificato e riunito un comitato scientifico di dieci componenti, guidato dal famoso archeologo subacqueo Luigi Fozzati. Il fine è quello di condurre nuove indagini sul sito. Gli scavi subacquei sono previsti in tre fasi, con svolgimento nel 2022. La ricerca del terzo Bronzo è reale.

Le ipotesi non finiscono con il mito del terzo bronzo, tuttavia. Si parla, infatti, di un intero gruppo statuario, composto da cinque bronzi. Le ipotesi messe in piedi in questi anni e decenni hanno richiamato l’attenzione di studiosi di mezzo mondo, ma a sostegno della tesi che i Bronzi di Riace fossero cinque c’è il professore Daniele Castrizio, docente di numismatica presso l’Università di Messina, membro del comitato scientifico del MArRC ed esperto conoscitore delle statue venute dal mare. Le indagini partono dalla presunta sparizione di elmi, scudi, lance oltre che altre statue nel ritrovamento avvenuto a Riace.


PER APPROFONDIRE: Bronzi di Riace, al via il 50° dal ritrovamento


Secondo il Professor Castrizio, i Bronzi di facevano parte di un gruppo statuario che rappresenta il momento subito precedente al duello fratricida tra Eteocle e Polinice, fratelli di Antigone. Gli stessi della tragedia “I sette contro Tebe”, di Eschilo. Il gruppo statuario, in realtà, seguendo la letteratura, dovrebbe contare cinque statue, ma, ad oggi, solamente due sono in nostro possesso. Per i più scettici o per i più curiosi, a descrivere l’esistenza di queste cinque statue, presenti presumibilmente fino al IV secolo a Roma è Publio Papinio Stazio, autore del I secolo che ne parla espressamente nell'XI libro della Tebaide.

Articoli Correlati