Avvenire di Calabria

Accoglienza profughi: Ue egoista, l’Italia è sola

Dimitris Avramopoulos, commissario responsabile per la migrazione, ha commentato: “La solidarietà in termini giuridici, politici e morali non può essere interpretata in modi diversi”.

Gianni Borsa

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

A parole sono tutti solidali con Roma. Ma poi i migranti sbarcati sulle coste della Penisola restano in Italia. Che si deve giustamente far carico di salvare chi fugge da guerra, fame, persecuzioni, cambiamenti climatici, e poi agire ancora praticamente in solitudine per l’accoglienza a breve termine e l’integrazione di medio-lungo periodo. Così stabiliscono gli accordi di Dublino e il diritto internazionale; così impone l’egoismo di tanti altri Paesi europei.

La scorsa settimana è stata emblematica in tal senso. A fronte di crescenti arrivi via mare, i vertici Ue (Juncker, Tusk, Tajani), il Parlamento europeo, la Commissione, persino il segretario generale delle Nazioni Unite Guterres, hanno riaffermato la necessità di sostenere i Paesi di primo approdo, ossia Italia e Grecia. Poi, il 17 maggio, è arrivata la relazione dell’Esecutivo di Bruxelles sui cosiddetti “ricollocamenti”: i Paesi dell’Ue (per loro stessa decisione assunta in sede di Consiglio europeo nell’estate 2015) avrebbero dovuto farsi carico di 160mila profughi attualmente ospitati in Italia e Grecia, ma attualmente il conto si ferma a 18.418 (5.711 dall’Italia e 12.707 dalla Grecia).

Il piano di ricollocamenti dovrebbe chiudersi a fine settembre, per cui mantenere gli impegni sarà impossibile. Anche perché, come hanno denunciato tanti eurodeputati da Strasburgo, la maggior parte dei governi erige muri, palesi o sottintesi, per le più diverse ragioni: chi esplicitamente non vuole tra i piedi i migranti (è la posizione di Ungheria e Polonia), chi ne ha prese in carico poche unità (pretendendo fra l’altro di operare una “scelta di qualità” tra i profughi: donne sì, uomini no; cristiani sì, musulmani no…). C’è anche chi ha fatto una parte del proprio compito, lasciandolo però a metà. I Paesi generosi si contano sulle dita di una mano, con in testa la Germania, mentre gli unici Stati che hanno adempiuto totalmente ai loro obblighi sono Finlandia e Malta.

Dimitris Avramopoulos, commissario responsabile per la migrazione, ha commentato: “Il successo del meccanismo di ricollocazione non può dipendere solo da alcuni Stati membri. La solidarietà in termini giuridici, politici e morali non può essere interpretata in modi diversi”. “Esorto quindi gli Stati membri che hanno sistematicamente omesso di rispettare i propri obblighi a cominciare ad adempierli immediatamente”.
Nella relazione della Commissione si legge: “Ungheria, Polonia e Austria rimangono gli unici Stati membri che non hanno ancora ricollocato alcuna persona, in violazione dei loro obblighi”. L’Austria, almeno, ha fatto sapere che provvederà a ricollocare 50 persone dall’Italia. E poi c’è il caso della Repubblica Ceca, che da un anno ha sospeso ogni impegno. Il Regno Unito… non è pervenuto.

Il Parlamento europeo, riunito in plenaria il 18 maggio, ha approvato una risoluzione in cui richiama con forza i governi a fare la loro parte; indica alla Commissione di considerare l’attivazione di procedure d’infrazione contro i Paesi recalcitranti; sottolinea che le misure di ricollocazione devono essere prorogate fino alla riforma del sistema d’asilo (“Dublino”).

Resta il fatto che l’Italia su questo versante è ampiamente in credito verso l’Ue mentre all’interno del Belpaese governo, prefetture, comuni, volontariato e parrocchie devono fare i salti mortali per porgere la mano a chi ne ha bisogno. La solidarietà, che è alla base dell’Ue, tornerà a concretizzarsi nel Vecchio continente? Oppure essa vale solo quando c’è da portare a casa i Fondi strutturali tratti dal bilancio comunitario?

Articoli Correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.