Avvenire di Calabria

I ragazzi dell'arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova sono di ritorno dalla Città del Patrono di Italia

Assisi, le voci dal campo giovanissimi di Azione Cattolica

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Stanno attraversando l'Italia, dall'Umbria alla punta dello Stivale, in un viaggio di ritorno il cui bagaglio più grande è quello delle emozioni condivise. Stiamo parlando dei giovanissimi di Azione Cattolica dell'arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova che hanno appena concluso il loro campo estivo ad Assisi sulle orme del Patrono di Italia. L'esperienza estiva è stata organizzata e coordinata dal Settore giovani di Ac, in particolar modo dai due vicepresidenti di Azione cattolica per il settore giovani, Daniela Imeneo e Pasquale Cuzzola. «Il campo diocesano dei giovanissimi di Azione Cattolica in Assisi - ha spiegato don Tonino Sgrò, assistente diocesano del Settore Giovani di Ac - ci ha dato un'indicazione molto chiara: gli adolescenti non sono insensibili o refrattari alle esperienze spirituali contrariamente a quanto di solito si pensi».

 
Angelo, giovanissimo della parrocchia di San Giovanni Battista in Pellaro, ha raccontato il suo punto di vista: «Ho partecipato a questo campo per due motivi: approfondire la figura di San Francesco d'Assisi e visitare i luoghi della sua esistenza. Certamente sono stato particolarmente colpito dal santuario francesco di La Verna: ho provato emozioni fortissime; in questi giorni ha fatto nuove conoscenze e ho imparato a conoscere un po' meglio anche me stesso».
Proprio sulla dimensione spirituale si è soffermato don Tonino Sgrò: «È stato commovente notare questi ragazzi assorti in spirito di preghiera dinnanzi alla tomba di Francesco, al Crocifisso di San Damiano e alla Porziuncola, ma forse il valore aggiunto è stato vederli immersi nell'esperienza del ritiro spirituale. Non solo, quindi, il contatto con la storia e con i luoghi del Santo, ma anche la capacità di interiorizzare la Parola di Dio. In particolare riflettendo sul cieco di Gerico, i ragazzi si sono fatti delle domande importanti, che li hanno interrogati: cosa vedo intorno a me? Cosa vorrei vedere che invece non riesco a cogliere, fuori e dentro di me? Cosa invece non voglio vedere perché mi fa paura? Accoglo con gioia i doni di Dio o mendico amore? Sono seduto o alzato e pronto a mettermi in cammino? Tutte queste domande - spiega l'assistente diocesano - di senso che sono emerse ci fa comprendere come la sete di spiritualità caratterizzi il loro bisogno umano e che noi, come educatori - tornando a Reggio nella loro ordinarietà - dobbiamo poter stimolare suscitare».
 
Alle sue constatazioni gli fa eco Silvia, giovanissima della parrocchia del Rosario di Villa San Giovanni: «Questo viaggio itinerante mi ha aiutato molto a riflettere sul mio futuro e sulle tante scelte che da quì a breve dovrò affrontare. Ho scoperto che dalle mie fragilità devo ripartire e rivalutarli come ritrovati punti di forza». «Un'esperienza semplice, ma al tempo stesso straordinaria. Da responsabile, - ha concluso Titti Falcone, responsabile gvv della parrocchia del Loreto - mi ha regalato lo sguardo e il cuore dei giovanissimi capaci di ascoltare l'amore del Poverello di Assisi che ha annunciato per tutta la sua vita terrena».

Articoli Correlati

Don Fortunato Morrone e l’Azione cattolica: esperienza di Chiesa

Per sei anni, l’arcivescovo eletto di Reggio Calabria-Bova è stato assistente generale dell’Ac calabrese. Tra gli aneddoti raccontati da Carmine Gelonese c’è l’amicizia tra Morrone e l’indimenticato sacerdote reggino e assistente diocesano di Ac, don Lillo Spinelli.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.