Avvenire di Calabria

L'assessore alle Politiche giovanili del Comune di Reggio Calabria esprime il proprio compiacimento per l'iniziativa

Attendiamoci attività estive al via: il sostegno di Palmenta

L'associazione è stata fondata vent'anni fa da don Valerio Chiovaro assieme a quattro giovani universitari reggini

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Attendiamoci, attività estive al via. Alla presentazione, presso il Villaggio dei giovani, bene confiscato alla criminalità organizzata, anche l’assessore alle politiche giovanili Giuggi Palmenta.

«Attendiamoci è da tanti anni una realtà positiva della nostra città» ha dichiarato l'assessore a margine dell'incontro. «Durante l’estate quando la scuola è ormai finita, i ragazzi e le ragazze hanno bisogno di avere un punto di riferimento. Non possono essere lasciati soli, ma devono essere considerati e coinvolti con attività di intrattenimento che siano anche educative» ha aggiunto Palmenta.

Attendiamoci, attività estive al via - Leggi i dettagli delle iniziative

«Lavorare con i giovani e per i giovani è importante sempre ma a maggior ragione in questo periodo storico, è proprio da loro che dobbiamo ripartire. Agli educatori e alle educatrici il mio ringraziamento perché sono presidi di educazione e di legalità e non è una cosa scontata. Che questo momento sia un punto di inizio, di una ricostruzione che guardi alle relazioni, ai rapporti umani, ai rapporti con la società civile e le istituzioni. È fondamentale la collaborazione. Da parte dell’amministrazione il totale appoggio», ha concluso l'assessore Palmenta.

L'associazione

Attendiamoci è una Organizzazione di Volontariato nata a Reggio Calabria il 27 settembre del 2001 dall’entusiasmo di un prete, Don Valerio Chiovaro, e di quattro studenti universitari (Giovanni Mazza, Domenico Paino, Alfredo Pudano e Giuseppe Falcone) che condividevano la bellezza di una amicizia vera e la necessità di contagiare al bene. Quella di Attendiamoci è stata una scelta di campo: interessarsi ai giovani “normali” nella consapevolezza che nessun giovane sia normale, ma speciale, capace di determinarsi al bene se, lungo la grande avventura della giovinezza, incontra le persone giuste. Professionalità, ma anche familiarità, accoglienza, servizio e gratuità sono gli ingredienti principali che hanno permesso ad Attendiamoci di crescere, diventando un punto di riferimento per Reggio Calabria e, oggi, anche per i giovani a Milano, Pavia, Roma, Siena.

Articoli Correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.