Avvenire di Calabria

Il Csi è tornato coi giochi di piazza ad Arghillà in occasione della Giornata internazionale della Solidarietà

Non si ferma l’attività del Csi reggino coi bambini di Arghillà

Già pianificata l'attività che coinvolgerà i bambini per tutto l'anno. Presente anche il Garante metropolitano

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Non si ferma l'attività del Csi reggino coi bambini di Arghillà. La nuova occasione è data dalla Giornata internazionale della Solidarietà che si è celebrata proprio ieri, 31 agosto.

L'attività del Csi reggino coi bambini di Arghillà

La presenza di dirigenti e volontari del Csi ad Arghillà non è un fatto isolato. L'estate non ha mandato in vacanza l'impegno dell'ente di promozione sportiva per le strade e i cortili della periferia reggina.

Ieri, assieme all'ufficio del Garante dell'Infanzia e dell'Adolescenza della Citta Metropolitana di Reggio Calabria, si è tornati in campo. E lo si è fatto ancora ad Arghilla Nord per generare una profonda riflessione su quello che tanti bambini vivono in questo territorio.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Si tratta di bambini ignorati e messi in un angolo, privati di un diritto fondamentale: il diritto al gioco. Ieri pomeriggio la strada è diventata una palestra a cielo aperto dove bambini, ragazzini e giovani adolescenti hanno scelto di giocare e incontrarsi.

In piazza e tra i "campetti" anche tante famiglie, testimonianza di una non scontata disponibilità a stare dentro questo nuovo percorso. I lutti degli ultimi periodi con la perdita di giovani vite, la frequenza scolastica al minimo e un disagio giovanile diffuso, sono elementi che devono aprire riflessioni ma soprattutto «spingerci a mettere in campo idee e soluzioni immediate» come commentano i dirigenti del Csi.


PER APPROFONDIRE: L'incontro tra i ragazzi della polisportiva di Arghillà col vescovo Morrone


Calcio a 5, pallavolo, basket, giochi e laboratori motori hanno caratterizzato il pomeriggio di tantissimi bambini e ragazzi di Arghilla. I volontari del Csi, guidati da Piero Suraci, hanno provato a simulare un pomeriggio di straordinaria normalità per i piccoli di questo fragile territorio: gioco, collaborazione, merenda, risate e anche un grandissimo e significativo "cerchio" finale a chiudere la giornata.

«Quando tornate?». Questa domanda anziché chiudere, di fatto, apre nel Csi, nelle istituzioni e nelle tante associazioni sociazioni impegnate ad Arghilla, quella dimensione dell'impegno, del servizio e del coraggio necessarie in questi territori ed in questo storico momento.

L'impegno di associazioni e politica

«Ci sono partite e partite», è lo slogan scelto dal Csi Reggio Calabria per questa stagione sportiva. Proprio questa convinzione guida e guiderà l'impegno di tanti dirigenti, animatori e allenatori che hanno scelto la vita dei più piccoli e fragili del nostro amato territorio come «partita da giocare e vincere».

Da parte della politica, poi, una promessa. Come spiega Emanuele Mattia, nel consegnare le medaglie ai ragazzini: «A brevissimo importanti novità. Stiamo lavorando con l'amministrazione per regalarvi il campetto polisportivo che sognate da anni. Sono qui e sarò sempre a giocare con voi. Speriamo, presto, di farlo in un campo vero».

Articoli Correlati

Ma i calabresi andranno a votare?

Ma i calabresi andranno a votare?

Manca una settimana al voto. Si moltiplicano gli incontri nelle città dei quattro contendenti La punta dello Stivale sembra, però, assistere con “disincanto” alla bagarre dei partiti.

Un piccolo gesto può regalare un sorriso

Si chiama “Dacci un taglio e regala un sorriso” l’iniziativa che intende promuovere una raccolta di capelli per realizzare parrucche da donare ai pazienti oncologici sottoposti a terapie.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.