Avvenire di Calabria

Sabato due aprile si celebra la Giornata mondiale della consapevolezza sull'autismo

Autismo, papa Francesco: «Disabilità è sfida per una società più inclusiva»

Oggi udienza speciale per il Santo Padre che ha ospitato in Vaticano la Federazione Italiana Autismo

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Si celebra domani, 2 aprile la Giornata mondiale della consapevolezza dell'autismo, istituita nel 2007 dall'assemblea generale dell'Onu. La ricorrenza richiama l'attenzione della collettività sui diritti delle persone colpite da disturbi nello spettro autistico. Fu approvata dal consiglio Onu l'1 novembre 2007 e adottata il 18 dicembre 2007, quando venne fissata in calendario. 

Giornata sull'Autismo, l'esortazione del Papa

«Portando avanti i progetti di ricerca e le iniziative a favore dei più deboli e svantaggiati, voi date un valido contributo alla lotta contro la cultura dello scarto, diffusa nella nostra società troppo protesa alla competizione e al profitto». Lo ha detto Papa Francesco, ricevendo in udienza stamattina, nel Palazzo Apostolico Vaticano, i membri della Fondazione Italiana Autismo, in occasione della Giornata mondiale della Consapevolezza dell’Autismo.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


«La disabilità, in ogni sua forma, rappresenta una sfida e un’opportunità per costruire insieme una società più inclusiva e civile, dove i familiari, gli insegnanti e le associazioni come la vostra non siano lasciati soli ma siano sostenuti», ha aggiunto. Il Papa ha poi ribadito la necessità di «continuare a sensibilizzare sui vari aspetti della disabilità, abbattendo i pregiudizi e promovendo la cultura dell’inclusione e dell’appartenenza, fondata sulla dignità della persona».

«È la dignità di tutti quegli uomini e quelle donne più fragili e vulnerabili, troppo spesso emarginati perché etichettati come diversi o inutili, ma che in realtà sono una grande ricchezza per la società. In effetti, si rimane positivamente sorpresi scoprendo tanti casi di persone con disabilità che fanno una buona esperienza lavorativa – come alcuni di voi qui presenti –, offrendo così una testimonianza significativa. Ma non c’è solo l’ambito del lavoro, c’è tutta la vita della persona, diremmo la sua 'vocazione'».


PER APPROFONDIRE: Verso la Giornata dell’Autismo, «la svolta delle diagnosi precoci»


Indicando la parabola evangelica del buon samaritano, Papa Francesco ha ribadito «la strada per una società più fraterna». «E su questa strada le persone con disabilità non sono solo oggetto di cura, ma anche soggetto, questo è molto importante! Il samaritano può essere la stessa persona con disabilità, con autismo, che si fa prossimo all’altro, ponendo i propri talenti al servizio della comunità».

Filippo Passantino - Agensir

Articoli Correlati

50 anni fa a Riace il ritrovamento dei Bronzi

Era il 16 agosto del 1972 quando al largo delle coste di Riace, in Calabria, dopo una segnalazione del sub Stefano Mariottini, i carabinieri riportavano alla luce due statue uniche al mondo, i Bronzi di Riace.