Avvenire di Calabria

Un evento che ha aiutato i piccoli a sognare

Brancaleone in festa

I bambini protagonisti alla sfilata dei carri

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Si é da poco conclusa la settimana dedicata al carnevale a Brancaleone. Un programma durato quattro giorni, realizzato dalla parrocchia San Pietro Apostolo e dalla locale Pro loco assieme alla parrocchia Maria Ss. Annunziata di Paese Nuovo e con la collaborazione di diverse associazioni. Un gran numero di giovani e adulti ha preso parte alla sfilata dei carri allegorici per le vie del paese realizzati dagli educatori delle rispettive parrocchie sotto la guida di padre Angelo Battaglia. Due mesi di servizio e impegno dedicati alla realizzazione delle scenografie e alla preparazione dei costumi per rappresentare al meglio i personaggi tanto amati dai bambini. Ad aprire la kermesse il carro di “Alice nel paese delle meraviglie” seguito da “I supereroi” e da “I Flintstones”. La Pro loco, che ha realizzato una splendida scenografia di “Alice nel paese delle meraviglie” all’interno del palatenda in Piazza Stazione dando la possibilità ai più piccoli di fare le foto assieme ai loro beniamini preferiti, ha lavorato, inoltre, per l’organizzazione della sfilata delle mascherine conclusasi con la premiazione delle mascherine più belle. Il programma é continuato con la tradizionale farsa del poeta Franco Blefari “Osteria Aeroporo” portata in scena, nei locali della palestra comunale, dal gruppo teatrale di Razzá e il lunedì successivo nella piazza di Paese Nuovo. Il carnevale si é concluso martedì grasso con un’altra festa dedicata ai bambini svoltasi a Paese Nuovo. Non semplice spettacolo, ma molto di più. Sui carri infatti sono state riportate alcune celebri frasi di papa Francesco, Madre Teresa e un’altra tratta dal film “Alice in Wonderland”. Il carro di “Alice” ha voluto essere un invito a credere nei sogni, ad avere il coraggio di sognare, a non lasciarsi trasportare dalla sfiducia e dallo sconforto ma a vivere con la speranza nel cuore lasciandosi guidare da Dio e dalla sua parola per il raggiungimento della gioia piena promessa da Gesù. Il carro de “I Flintstones” ha esortato a proteggere e rafforzare la famiglia, definita dallo stesso papa Francesco «il più grande tesoro di un paese», perchè se la famiglia è sana la società è sana, tutto è sano. Infine “I supereroi”, che corrono incontro ai bisogni degli altri combattendo il male, sono un richiamo ai veri ed autentici supereroi: i santi. “I Supereroi” hanno voluto essere un incoraggiamento ad amare sempre di più e a comprendere che quello che si fa va fatto con amore e per amore perchè solo l’amore è in grado di unirci e renderci felici.

Giulio Lugarà

Articoli Correlati

Un Carnevale speciale per i piccoli ricoverati al Gom

Il Reparto di Neonatologia del Grande Ospedale Metropolitano di Reggio si è simpaticamente popolato di Superman, Wonder Woman ed altri coraggiosi personaggi grazie ad una iniziativa del Garante Emanuele Mattia e la stilista Silvia Renon

Carnevale: frappe e struffoli fai da te in 1 casa su 2

La necessità di passare il tempo fra le mura domestiche a causa delle misure anti Covid ha spinto al ritorno della cucina casalinga fai da te con – sottolinea la Coldiretti – la riscoperta di ricette e dolci della tradizione

La tartaruga Queen torna in mare aperto

Era rimasta vittima di un amo da pesca, ingoiato assieme all’esca (un calamaro) in un tipico «palangrese», sistema di lenze e ami usato per catturare tonni e pesci spada ma di cui restano vittime accidentali anche tante altre specie

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.