Caritas-Focsiv, «la cultura della cura per una società pacifica» – avveniredicalabria

avveniredicalabria

È il tema messo in evidenza questo mese nell'ambito della campagna «Dacci oggi il nostro pane quotidiano»

Caritas-Focsiv, «la cultura della cura per una società pacifica»

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La cultura della cura, “per una società pacifica e coesa”, è il tema che mette in evidenza questo mese la Campagna Caritas-Focsiv “Dacci oggi il nostro pane quotidiano“, elencando i conflitti che continuano a coinvolgere una settantina di Stati – tra cui Libia, Yemen, Birmania, Iraq, Siria, Pakistan, Nigeria, Africa subsahariana, Medio Oriente, Nagorno-Karabakh, Ucraina, Venezuela – e circa 900 tra milizie, guerriglieri, gruppi terroristici, separatisti, anarchici. Caritas e Focsiv ricordano che le crisi sono “tra loro fortemente connesse, come quella climatica, alimentare, economica e migratoria, che la pandemia ha aggravato, provocando lutti, sofferenze e disagi”.

“Si tratta – suggeriscono – di integrare vari aspetti, secondo un approccio olistico che guarda all’uomo in quanto tale”. La pacifica convivenza fra i membri della famiglia umana deve quindi “ispirarsi ai valori più alti e condivisi, a partire da quello dell’inclusione e della partecipazione”, rigettando la “cultura dello scarto” e avendo “cura delle persone e dei popoli che soffrono le più dolorose disuguaglianze, attraverso un’opera che sappia privilegiare con pazienza i processi solidali – che integrino e non escludano – rispetto all’egoismo spesso imperante degli interessi contingenti, sia su base individuale, sia collettiva”.

Caritas e Focsiv invitano anche a valorizzare “sempre più l’importanza della comunità, mediante il dispiegamento del principio di sussidiarietà, favorendo l’apporto di tutti come singoli e come gruppi, a partire dal basso”. La proposta di una “società della cura” è al centro di un dibattito di movimenti sociali, associazioni, attivisti che hanno in qualche modo profeticamente anticipato di pochi mesi il Messaggio di Papa Francesco, riconoscendo molte delle stesse priorità e degli stessi temi come “la conversione ecologica della società; lavoro; reddito e welfare nella società della cura; la riappropriazione sociale dei beni comuni e dei servizi pubblici; la centralità dei territori e della democrazia di prossimità; pace, cooperazione, accoglienza e solidarietà; scienza, tecnologia e finanza al servizio della vita e dei diritti”. Sul sito della Campagna www.insiemepergliultimi.it tutti i materiali di approfondimento.

P.C. (Agensir)

Articoli Correlati

Una Carità incarnata: l’esempio di Antonio Marrapodi

Il direttore della Caritas di Reggio Calabria – Bova, don Antonino Pangallo, ha scritto un ricordo sulla scomparsa dell’accolito reggino Antonio Marrapodi. Mancherà alla redazione di Avvenire di Calabria dove era solito passare e raccontare aneddoti.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.