Avvenire di Calabria

Importante momento per l'intera comunità diocesana quello che sarà celebrato alle 17

Cattedrale di Locri, manca poco alla riapertura al culto

L'invito del vescovo Oliva ai fedeli: «In questa gioiosa circostanza stringiamoci in preghiera»

di Redazione web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il 22 dicembre prossimo, mercoledì, è un giorno importante per la diocesi di Locri- Gerace. Dopo un lungo periodo di chiusura per lavori di restauro, infatti, riapre al culto la Cattedrale “Santa Maria del Mastro” di Locri. L'evento tanto atteso è per le ore 17.00. Ma vediamo più avanti il programma.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


L’attesa riapertura al culto della Cattedrale di Locri avverrà con il rito solenne per la Dedicazione del nuovo altare. Allo stesso tempo ci sarà la Benedizione della Cattedra e dell’Ambone, durante la Celebrazione Eucaristica che sarà presieduta da monsignor Francesco Oliva, vescovo di Locri-Gerace.

I lavori per l’adeguamento liturgico della Chiesa Cattedrale rappresentano il secondo intervento di un ampio progetto. L'intervento è stato finanziato grazie ai contributi concessi dalla Conferenza Episcopale Italiana e con i fondi dell’otto per mille. Contributi mirati al restauro e al risanamento conservativo dell’edificio di culto.

Cattedrale di Locri, cronistoria dei lavori di restauro

La prima parte dei lavori iniziati nell’aprile del 2017 e conclusi a novembre del 2020 hanno riguardato il rifacimento della facciata, questo secondo intervento, oltre al consolidamento statico, è stato destinato all’adeguamento liturgico e alla creazione di nuovi spazi liturgici all'interno dell'aula e del presbiterio, al fine di poter disporre di una Cattedrale consona alla liturgia post-conciliare e rispettosa delle nuove disposizioni fornite dalla CEI. Riguardo alla progettazione e all’esecuzione dei lavori, il Committente canonico è don Fabrizio Cotardo, Parroco della Cattedrale, le altre figure sono: Tecnico Progettista e Direttore Lavori, architetto Giorgio Metastasio; Direttore Tecnico operativo di cantiere, architetto Luigi Scaramuzzino; Impresa di Restauro “3Effe” del geometra Marco Femia; Progetto Illuminotecnico, ingegnere Antonio Barreca; Consulenti strutturali ingegneri Biagio Pisano e Gianluca Ussia.

Celebrazione per la riapertura al culto: le disposizioni

Visto il perdurare dell’emergenza pandemica causata dal Covid-19, la presenza in Cattedrale durante la solenne celebrazione sarà contingentata; sarà possibile soltanto una partecipazione in forma rappresentativa del clero e dei fedeli laici. In rappresentanza del clero saranno presenti: il vicario generale, i vicari foranei, il Capitolo Cattedrale, i membri del Consiglio presbiterale, gli addetti al servizio liturgico.

Per tutti ci sarà, comunque, la possibilità di seguire la celebrazione in diretta streaming e televisiva su Telemia e sui canali social della Diocesi.


PER APPROFONDIRE: Diocesi Locri, terzo appuntamento per i week end vocazionali


Annunciando la riapertura al culto della Cattedrale, monsignor Oliva ha chiesto a tutti i fedeli di stringersi in preghiera in tale gioiosa circostanza.

Articoli Correlati

50 anni fa a Riace il ritrovamento dei Bronzi

Era il 16 agosto del 1972 quando al largo delle coste di Riace, in Calabria, dopo una segnalazione del sub Stefano Mariottini, i carabinieri riportavano alla luce due statue uniche al mondo, i Bronzi di Riace.

Scilla e la devozione per San Rocco

La Chiesa celebra oggi San Rocco, tra i santi più illustri del secolo XIV e uno dei più cari a tutta la cristianità. Da quasi sei secoli, la comunità di Scilla, rinnova il suo legame con il Santo Patrono.