avveniredicalabria

Ambiente, il summit che si svolge online oggi e domani. "La sfida epocale per il bene comune richiede un’azione rapida"

Climate Adaptation Summit 2021, il videomessaggio di Parolin

Michela Nicolais

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Per rispondere alle sfide poste dal cambiamento climatico, è urgente «l’elaborazione di una strategia globale e condivisa a lungo termine basata su impegni precisi, capace di definire e promuovere un nuovo modello di sviluppo e costruita sul legame sinergico tra la lotta al cambiamento climatico e la lotta alla povertà». Perché «nulla può essere realizzato lavorando da soli. La pandemia del Covid-19 lo dimostra molto bene». È quanto afferma il cardinale Segretario di Stato, Pietro Parolin, in un videomessaggio – in inglese – inviato a nome di Papa Francesco all’apertura del Climate Adaptation Summit 2021, che si svolge online oggi e domani. La «sfida epocale per il bene comune» costituita dal cambiamento climatico, spiega  Parolin, richiede «un’azione rapida» per la riduzione delle emissioni di gas serra e le attività di mitigazione dei loro effetti negativi, unite al «rafforzamento dell’adattamento e della resilienza». Si tratta di un imperativo morale e umanitario, prosegue il segretario di Stato vaticano, «perché le più gravi conseguenze negative del cambiamento climatico spesso colpiscono i più vulnerabili: i poveri e le generazioni future». I poveri, che sono «i meno responsabili del riscaldamento globale», sono purtroppo «i più suscettibili di essere colpiti, poiché hanno meno capacità di adattamento e spesso vivono in aree geografiche particolarmente a rischio». Di qui la necessità di «una cooperazione internazionale più forte, impegnata in uno sviluppo sostenibile a bassa emissione di carbonio, così come l’investimento nel rafforzamento delle tecnologie e della resilienza, e il loro trasferimento a condizioni eque, in particolare ai Paesi più vulnerabili». È quanto auspicato da Papa Francesco nel suo intervento all’Assemblea generale delle Nazioni Unite lo scorso settembre, quando auspicava il «rafforzamento del multilateralismo, espressione di una rinnovata corresponsabilità mondiale» contrapposto a quello che «predilige gli atteggiamenti di autosufficienza, il nazionalismo, il protezionismo, l’individualismo e l’isolamento, escludendo i più poveri, i più vulnerabili», che è «autolesionismo per tutti».

Articoli Correlati

Udienza Papa: «Non c’è contrapposizione tra contemplazione e azione»

“Chi vive in una grande città rischia di perdere la capacità di contemplare”, così il Santo Padre durante nella catechesi di oggi, trasmessa in diretta streaming dalla biblioteca privata del Palazzo apostolico. “La dimensione contemplativa dell’essere umano – che non è ancora la preghiera contemplativa – è un po’ come il sale della vita”, ha esordito Francesco.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.