Consulta interreligiosa comunale, la diocesi esprime perplessità – avveniredicalabria

avveniredicalabria

«Risulta incomprensibile che un organo civile e politico debba assumersi il ruolo di arbitro e di promotore del dialogo tra le religioni»

Consulta interreligiosa comunale, la diocesi esprime perplessità

Il nuovo organo è stato approvato ieri dal consiglio comunale della città dello stretto

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

«Apprendiamo dagli organi di informazione che il Consiglio Comunale di Reggio Calabria ha approvato la Consulta per il dialogo interreligioso». È quanto si legge in una nota diramata dall’Ufficio stampa della diocesi di Reggio Calabria - Bova, che prosegue «Riteniamo incomprensibile e fuori luogo l’istituzione di questa Consulta: esistono già, infatti, tra le religioni diversi luoghi di dialogo ecumenico e interreligioso che negli anni hanno prodotto un confronto costruttivo e sereno sui temi di dottrina religiosa e morale tra le diverse confessioni».

La consulta, il cui regolamento è stato approvato ieri, è stata votata all'unanimità. Secondo la diocesi reggina, però, «Risulta incomprensibile che un organo civile e politico debba assumersi il ruolo di arbitro e di promotore del dialogo tra le religioni, i cui rappresentanti, come si notava, hanno già strumenti di dialogo e di confronto, sia a livello locale, nazionale e mondiale».

«Inoltre - prosegue la nota - lo riteniamo pericoloso, perché volgendo lo sguardo al passato, tutte le volte in cui la politica e i governanti hanno voluto giocare un ruolo nel rapporto tra le religioni e tra le religioni e le persone, i risultati sociali hanno portato soltanto ad aumentare ed inasprire le differenze e il conflitto sociale. Spesso si è arrivati alla persecuzione religiosa».

«Pur rispettando i reciproci ruoli istituzionali», l'arcidiocesi «si riserva ulteriori riflessioni sul tema invitando e coinvolgendo le altre confessioni religiose del territorio».

Articoli Correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.