Avvenire di Calabria

L'iniziativa in occasione della Giornata mondiale dell'ambiente che si celebra il 5 giugno

Contro il degrado e l’abbandono del quartiere, Archi si mobilita

di Redazione web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“I cibi che mangiamo, l’aria che respiriamo, l’acqua che beviamo e il clima che rende il nostro pianeta abitabile provengono tutti dalla natura. Tuttavia, questi sono tempi eccezionali in cui la natura ci sta inviando un messaggio: per prenderci cura di noi stessi dobbiamo prenderci cura della natura. È ora di svegliarsi, di farsi sentire. È tempo di ricostruire meglio per le persone e per il pianeta. E’la giornata mondiale dell’ambiente, è il tempo per la Natura.” (World Environment Day 2020)

Quest’anno, il 5 giugno, si celebrerà la Giornata Mondiale dell’Ambiente proclamata dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite. Il tema sarà il “Ripristino degli Ecosistemi”. Obiettivo: prevenire, fermare e invertire i danni inflitti agli ecosistemi del Pianeta, cercando di passare dallo sfruttamento della natura alla sua guarigione.

Ambiente e cambiamento climatico dovrebbero essere priorità delle nostre azioni e delle agende politiche e industriali di tutto il mondo. È importante ricordarlo proprio in questo tempo di pandemia, in cui c’è il rischio che la gravità della crisi sanitaria ed economica provocata dal Covid-19 porti a mettere in secondo piano queste tematiche.

Molte le iniziative di varo genere organizzate e promosse da Enti di vario genere.

Anche ad Archi di Reggio Calabria una iniziativa vedrà unite varie agenzie educative locali per dare un segnale forte contro il degrado e l’abbandono del quartiere. Da tempo ci si sta interrogando su come sensibilizzare la popolazione che vede sempre più zone del territorio trasformarsi in discariche a cielo aperto, parchi pubblici mal curati, numerose strutture abbandonate e sostanzialmente una incuria generalizzata da parte delle istituzioni e dei cittadini.

Responsabilità politiche e amministrative però non possono essere individuate come l’unica causa del degrado diffuso.

Così già da diversi mesi le tre parrocchie del quartiere e una buona rappresentanza delle organizzazioni e delle associazioni locali stanno lavorando per realizzare una giornata in cui tutti possano essere invitati a riflettere sui propri comportamenti e a osservare la situazione ambientale.

Perciò il 5 giugno si svolgerà la manifestazione “ARCHI-viamo l’indifferenza, imb-ARCHI-amo la bellezza!” con l’intento di non limitarsi ad una sterile protesta, ma di educare al bello, al rispetto delle cose e alla responsabilità di ciascuno per formare una coscienza più ecologica che abbia sempre più a cuore il bene della “casa comune” e che valorizzi le potenzialità del territorio. In diversi punti di Archi saranno posizionati degli stand in cui:

-          dalle 18 alle 19 si potrà partecipare a dei laboratori o giochi a tema

-          alle 19 tutti convergeremo per una fiaccolata presso la piazza Mercato del Cep. Lì si svolgerà un breve FLASH MOB con lettura di alcuni testi significativi

Il desiderio è quello di coinvolgere l’intera popolazione per una presa di coscienza, per un risveglio del senso civico e soprattutto per spronarci ad un rinnovamento del senso di Comunità che ci permetta di vivere meglio il quartiere.

Promotori dell’iniziativa sono :

  • le 3 Parrocchie di Archi:  

-          Santo Stefano da Nicea

-          San Giovanni Battista

-          Madonna del Carmine

  • Associazione Il Seme
  • Gruppi Scout AGESCI RC 9 e RC 15
  • Masci RC 6
  • Associazione F. Amendolea
  • Animatori di Strada
  • Legio Mariae

Sarà coinvolta nell’iniziativa anche una rappresentanza della scuola elementare e media del quartiere.

Tutto si svolgerà nel rispetto della normativa anti-COVID; la manifestazione sarà autorizzata dalla Questura e saranno informate le forze di sicurezza locali.

Articoli Correlati

Le suore di Archi al servizio degli ultimi

Le suore di Archi al servizio degli ultimi

Abbiamo trascorso con loro (e coi volontari) una mattinata nel Centro d’Ascolto intitolato a don Italo Calabrò. Suor Lucia, Angela e Silvia ci conducono all’interno della mensa dei poveri ad Archi.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.