Avvenire di Calabria

I dipendenti sono da ben quattro mesi senza stipendio, a rischio l'erogazione del servizio

Crisi Hospice, Morrone alle istituzioni: «Garantire la continuità del servizio»

Il presule vicino nella preghiera agli operatori sanitari e ai pazienti

di Redazione web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Essendo informato delle criticità inerenti la struttura sanitaria “Hospice Via delle Stelle”, l’Arcivescovo di Reggio Calabria-Bova, monsignor Fortunato Morrone, desidera fare appello a tutte le Autorità competenti perché si adoperino per una rapida soluzione del problema.

«Sono vicino con la mia preghiera – ha dichiarato il presule - soprattutto agli operatori sanitari che stanno subendo più di tutti le conseguenze di questa situazione difficile con l’auspicio che, quanto prima, l’Hospice sia messo nelle condizioni di continuare erogare ai cittadini prestazioni sanitarie di eccellenza e di grande professionalità».

Le peculiari prestazioni sanitarie dell’Hospice, che spesso accompagnano i pazienti nell’ultimo tratto della loro esistenza terrena, necessitano di una particolare perizia e di un distinto tratto di umanità, non comune a tutti, ed è soprattutto per questo che è indispensabile trovare una soluzione per garantire continuità ai servizi della struttura di San Sperato: «È stato Papa Francesco – prosegue monsignor Morrone – a ricordare, proprio nei giorni scorsi, il privilegio di un Sistema Sanitario in grado di erogare cure gratuite. Tale privilegio è ancora più prezioso nel caso dell’Hospice, se consideriamo che le cure palliative permettono di curare coloro che non possono guarire. Un atto di carità che è degno del Vangelo, e per questo deve essere sostenuto custodito e garantito, anche a Reggio Calabria».

Articoli Correlati

mporio diocesano premiato

L’Emporio diocesano premiato fuori dai confini reggini

L’Emporio diocesano “Genezareth” è stato premiato a Melissa, provincia di Crotone, con il riconoscimento “Polis”. Un premio prestigioso che vuole evidenziare, su scala regionale, il grande impegno profuso da don Nino e i volontari.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.