Avvenire di Calabria

Moltissimi sono stati i volontari provenienti dall’arcidiocesi reggina-bovese

Dieci dal sisma in Abruzzo, la Caritas reggina nella zona

Hanno contribuito a realizzare due scuole, oltre a fornire assistenza alle comunità parrocchiali colpite dal terribile terremoto dell'aprile 2009

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Esattamente 10 anni fa, l’Abruzzo è stato colpito da un terremoto devastante. La Caritas si è attivata da subito per rispondere ai bisogni immediati. L’obiettivo ultimo – come in ogni grande emergenza – resta quello di accompagnare i tempi lunghi della ricostruzione, della ritessitura di relazioni e comunità, riassorbimento dei traumi sociali e psicologici, rilancio delle economie locali. Grazie alla solidarietà di quasi 23.500 donatori della Conferenza Episcopale Italia, Caritas Italiana ha messo a disposizione delle comunità locali oltre 35 milioni di euro. Sono stati realizzati: interventi di prima emergenza; 4 scuole per l’infanzia primarie; 16 Centri di comunità; 7 strutture di accoglienza; 2 servizi caritativi; ripristinate 16 strutture parrocchiali per attività sociali e comunitarie; avviati progetti rivolti in particolare ai bambini e ai giovani, progetti sociali a favore delle persone in situazione di grave emarginazione, immigrati, giovani, famiglie. Tutte iniziative caratterizzate dal valore della solidarietà e dello scambio tra comunità cristiane e Chiese sorelle. Con tale spirito anche la nostra Diocesi, con il supporto e sostegno della Delegazione Regionale Caritas Calabria, fin dall’inizio dell’emergenza è stata presente nelle zone del sisma. Dal mese di maggio 2009 la Caritas Diocesana ha avviato, nella zona gemellata, diverse attività di intervento con le popolazioni colpite tra quelle di incontro, relazione e ascolto; cura, presa in carico e animazione di anziani, ammalati, disabili e minori, per liberare tempi a disposizione degli adulti (forze attive) per permettere a loro di occuparsi dei numerosi problemi. Inoltre, la Caritas ha costruito centri di ascolto permanente, e tantissime altre attività volte ad alleviare le sofferenze e leggere efficacemente la realtà territoriale.
Moltissimi sono stati i volontari provenienti dall’arcidiocesi reggina-bovese (Parrocchie, Caritas Parrocchiali, Congregazioni Religiose, Giovani del Servizio Civile) coordinati da Suor Maria Carmela Palamaro, che hanno prestato il loro servizio con impegno e zelo. L’azione più significativa e pedagogica è stata quella di accompagnare le comunità parrocchiali sia dal punto di vista del soccorso, della cura pastorale, dell’animazione sociale, anche nel lungo periodo, fino alla ricostruzione. La caritas diocesana, inoltre, ha contribuito, con le collette finalizzate, alla realizzazione nella zona colpita di due scuole comprensive una a Fossa, intitolata a Don Tonino Bello, una Fontecchio intitolata a Don Pino Puglisi.
Il tutto allo scopo di sostenere la Chiesa locale nello sforzo di tenere unite le proprie comunità parrocchiali che, per cause di forza maggiore, sono state fisicamente distribuite in luoghi diversi, attraverso percorsi di accompagnamento e presenze di condivisione.

Articoli Correlati

domani in edicola povertà

Domani in edicola. Cosa può fare la Caritas per le nuove povertà?

Avvenire di Calabria uscirà, come ogni domenica, con Avvenire, il quotidiano dei cattolici italiani, su tutto il territorio calabrese. L’apertura del numero in edicola (o in parrocchia) che potrete trovare domani, 17 ottobre, è dedicata proprio alla lotta alle povertà.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.