Avvenire di Calabria

Il testo è frutto del lavoro condiviso da nove esperti, offre molti spunti per la riflessione personale

Diritto alla vita, ecco il documento della diocesi reggina

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Diritto alla Vita, ecco il documento dell’arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova. Prendendo spunto dall’episodio del manifesto di ProVita&Famiglia, la Chiesa reggina ha voluto proporre un approfondimento per incentivare la riflessione personale sul tema. Nello specifico, nove esperti dell’arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova hanno lavorato alla stesura del Documento “Siate sempre pronti a rispondere a chiunque vi domandi ragione della speranza che è in voi”.

Gli estensori del documento - coordinati dal Delegato ad omnia dell’Arcidiocesi reggina, monsignor Salvatore Santoro - sono: Antonella Barresi, ginecologa, Dominella Quagliata, psicoterapeuta e psicologa, Cesare Romeo, medico specialista in bioetica e sessulogia, Gianni Trudu, pedagogista clinico e psicologo, monsignor Antonello Foderaro, teologo e canonista, don Simone Gatto, direttore Ufficio diocesano per la Pastorale familiare, Attilio Gorassini, professore ordinario di Diritto Privato, e don Antonino Iannò, teologo e moralista.

Le argomentazioni proposte sono concernenti il diritto alla vita; il diritto alla libertà di coscienza e il diritto di esprimere liberamente il proprio pensiero. «Consapevoli della vastità e della complessità della tematica in oggetto, e sapendo di non poter compendiare il tutto in unico documento, questo lavoro non vuole essere un punto d’arrivo ma l’occasione per rilanciare e accrescere un dialogo proficuo e sereno su certe questioni di natura teologica, filosofica, etica, giuridica, medica e psicologica che toccano profondamente la vita e la dignità delle persone e la convivenza sociale» scrivono gli autori.

A supporto delle tesi espresse nel Documento “Siate sempre pronti a rispondere a chiunque vi domandi ragione della speranza che è in voi” ci sono tantissimi testi, libri, documenti, articoli e manuali riassunti nella bibliografia in appendice dello stesso. Si tratta di un riferimento utile per chi volesse approfondire le tematiche affrontate nel documento, anche alla luce di un discernimento personale o per una semplice curiosità di carattere intellettuale.

Troviamo indicati numerosi testi del Magistero, dalla Costituzione pastorale Gaudium et spes alla dichiarazione Dignitatis humanae del Concilio Vaticano II fino a diversi documenti redatti da alcuni pontefici: l’enciclica Pacem in terris di Giovanni XXIII, la Centesimus annus ed Evangelium Vitae di Giovanni Paolo II e la lettera apostolica Patris Corde di papa Francesco.

«A conclusione desideriamo affermare due concetti fondamentali: Il primo è che “il dono della vita, che Dio Creatore e Padre ha affidato all’uomo, impone a questi di prendere coscienza del suo inestimabile valore e di assumerne la responsabilità”. Il secondo è che insieme al diritto alla vita vi è quello alla dignità che si realizza grazie alla promozione di una serie di diritti fondamentali che consentono alla persona di vivere pienamente la sua vocazione umana», chiosano gli autori.

Per leggere la versione integrale del Documento, basta seguire il seguente link: https://bit.ly/3doo24B

Articoli Correlati

Monsignor Morrone prega sulla tomba di don Italo Calabrò

Il vescovo si è recato sulla tomba di don Italo Calabrò: oggi ricorrono i 31 anni dalla morte del sacerdote. Pomeriggio, alle 18, la messa in suffragio sarà celebrata da monsignor Vittorio Luigi Modello a Casa Gullì. Morrone, durante la sua omelia di insediamento, aveva indicato don Calabrò tra i testimoni di servizio ecclesiale della diocesi.

Monsignor Fortunato Morrone prenderà possesso della Concattedrale di Bova

Grande trepidazione nel borgo dell’Area grecanica reggina dove domenica arriverà il nuovo pastore. Il presule pitagorico rivolgerà una preghiera particolare al compatrono della diocesi, San Leo. Alle 10, previsto un incontro con le autorità e subito dopo il rito di presa di possesso canonico della Concattedrale dell’Isodia.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.