Avvenire di Calabria

Monsignor Piero Marini, vicario del Cardinale della Basilica Papale, visiterà la cittadina dell'alto ionio cosentino

Domani, a Diamante, l’incontro col cerimoniere di San Giovanni Paolo II

Sarà eseguito per la prima volta un nuovo Inno dedicato a Maria, Regina di Diamante, scritto da monsignor Miserachs

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Un importante evento attende la Città di Diamante: martedì 8 Giugno alle 10 nella Chiesa dell'Immacolata Concezione, celebrerà monsignor Piero Marini, vicario del Cardinale della Basilica Papale, già Cerimoniere di San Giovanni Paolo II. La Santa Messa sarà animata con i canti dall'Ottetto della "Venerabile Cappella Musicale Liberiana" della Basilica Papale di Santa Maria Maggiore, in Roma diretto dal Maestro Maurizio Scarfò e del quale fa parte il tenore Massimiliano Silvestri, nostro concittadino.

Nella cerimonia, sarà eseguito per la prima volta un nuovo Inno dedicato a Maria, Regina di Diamante, scritto appositamente dal compositore Vaticano, monsignor Valentino Miserachs per richiedere la protezione della Santa Vergine e la liberazione dalla pandemia. Sarà presente alla cerimonia, assieme alle autorità cittadine, il Presidente della Provincia di Cosenza, Franco Iacucci. «Desidero dare il benvenuto nella nostra Città a Monsignor Piero Marin - dice il sindaco, Ernesto Magorno - così come voglio ringraziare il Maestro Scarfò e l’Ottetto della "Venerabile Cappella Musicale Liberiana», salutando con il consueto affetto Massimiliano Silvestri.

«Rivolgo poi i miei sentimenti di gratitudine a monsignor Valentino Miserachs per aver composto un inno dedicato alla nostra protettrice. Questo canto e l’importante momento che vivremo l’8 giugno sono un dono prezioso per la nostra comunità, nel nome dell’Immacolata Concezione, la nostra protettrice che guida amorevolmente questa comunità».

Articoli Correlati

'Ndrangheta e fede, ecco le linee guida dei vescovi calabresi

‘Ndrangheta e fede, ecco le linee guida dei vescovi calabresi

La ‘ndrangheta si combatte attraverso un’azione pedagogica e liberante. La Chiesa calabrese in campo con nuove norme. Tra i provvedimenti proposti anche la nascita di Commissioni diocesane e sportelli di advocacy per quanti denunciano i clan.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.